La Shungite: origine e proprietà della pietra russa

Cristalli e minerali
26 Maggio 2021

Le origini della Shungite

La shungite è originaria dalla Repubblica di Carelia che è una delle 22 repubbliche della Federazione Russa.

Situata nel Nord-Ovest del paese e confinante con la Finlandia, i laghi Ladoga e Onega e il mar Bianco, questa pietra proviene principalmente da Shunga, un piccolo villaggio dal quale ne deriva il nome. La Shungite è la sola pietra al mondo a presentare una composizione unica nel suo genere, fatta al 98% di carbonio, elemento essenziale per garantire la presenza di forme di vita sul nostro Pianeta.

Tuttavia, la Shungite presenta un altro componente importante: i fullereni. Trattasi di una classe di sostanze allotrope molecolari del carbonio che fu scoperta nel 1985 da Harold Kroto, Robert Curi e Richard Smalley (premio Nobel per la chimica nel 1996 per tali ricerche). I fullereni possono assumere diverse forme: sferiche, ellissoidi o tubolari.
La struttura dei fullereni assomiglia molto a quella della grafite, ma possiede in più degli anelli di forma pentagonale o ettagonale che impedisce quindi alla struttura di essere piatta.
Tale elemento non è presente in nessun altro minerale sulla Terra e rende, dunque, la Shungite unica.

shunghite

La Shungite e il benessere ritrovato dello Zar russo

Pietro il Grande, Zar nel XVII secolo, malato da tempo, cercava invano una cura miracolosa per i suoi problemi di salute. I medici decisero dunque di parlargli di una sorgente in Carelia la cui acqua sgorgava da una pietra nera come il carbone e le quali proprietà sembravano essere miracolose. Incuriosito, lo Zar decise di tentare la sua chance e vide subito i risultati, poiché in poco tempo riacquisì il suo benessere fisico e interiore.

Generoso e soddisfatto della sua guarigione, decise di aprire una stazione termale nei pressi della sorgente in modo che tutti, ma soprattutto i soldati reduci dalla guerra, potessero approfittare dei benefici dell’acqua divina, generata, appunto, da una pietra nera che oggi conosciamo e classifichiamo come Shungite.
Le proprietà miracolose di questo minerale sembrerebbero proprio essere originate dai fullereni, che agirebbero all’interno del corpo come antiossidanti.

shunghite piramide

Le proprietà della Shungite

La Shungite è un minerale molto utilizzato in cristalloterapia, in particolare grazie alle sue proprietà rigenerative (proprietà che ritroviamo, per esempio, anche nella malachite). Questa pietra, infatti, aiuta con il mal di testa, il mal di schiena, i reumatismi e a trovare la pace interiore. La Shungite, inoltre, è l’unico minerale presente sulla Terra in grado di respingere le onde elettromagnetiche generate da dispositivi utilizzati quotidianamente come smartphone, microonde, router ecc... Pertanto, se si fa uso frequente di apparecchi elettronici, può essere interessante possedere una di queste pietre e porla tra noi e l’oggetto in questione durante l’uso per proteggersi.

La pietra può inoltre essere immersa in una caraffa o bicchiere d’acqua per ottenere la cosiddetta “Acqua di Shungite”, ovvero un’acqua ripulita da batteri, pesticidi, metalli pesanti e altre sostanze possibilmente nocive per il corpo. Per tale uso si consiglia una Shungite contenente almeno il 90% di carbonio.

Non sappiamo esattamente quale sia l'origine della shungite perchè normalmente i materiali contenenti carbonio provengono da sostanze organiche in decomposizione come le vecchie foreste. Ma gli scienziati pensano che la pietra abbia almeno 2 miliardi di anni, ben prima dell'esistenza vi vita organica sul nostro pianeta.
Alcune teorie sulle possibili origini di questa pietra includono:

A: un meteorite enorme si è scontrato con la Terra e ha depositato questo minerale nel terreno.
B: la shungite si è formata dovuto a microrganismi nell'acqua
C: la composizione della materia organica nelle rocce sedimentarie è cambiata nel tempo

Sebbene gli scienziati non siano sicuri di come si sia formata la shungite o da dove provenga, gli stessi attribuiscono i potenziali benefici della pietra al suo contenuto di fullerene.
I fullereni, che si trovano nella shungite, sono un tipo di nanostruttura di carbonio.

Secondo alcuni studi del 2017, i fullereni possono distruggere gli agenti patogeni dannosi.

shunghite elite

Secondo la tradizione che ci viene da secoli di uso, la shungite sarebbe utile per mal di gola, allergie, stanchezza cronica, artrite, problemi di fegato e e cistifellea.

Leggi anche il nostro articolo su come purificare i cristalli per scoprire altri metodi di purificazione.

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pietre cristalli:  https://geology.com/

Iscriviti alla nostra newsletter!

    *Campi obbligatori

    preloader