È la Jurassic Coast uno dei migliori siti di raccolta di fossili sulla Terra

Cristalli e minerali
16 Luglio 2021

A sud dell’Inghilterra, sulla costa della Manica, è situato il tratto collinare della Jurassic Coast (ovvero Costa Giurassica), il cui nome fa riferimento al noto periodo geologico al quale risalgono la maggior parte delle rocce lì presenti. Con un’estensione di circa 155 km attraverso il Dorset e l’East Devon, nel 2001 la Jurassic Coast è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO e ogni anno, lungo la sua costa, vengono trovati innumerevoli fossili risalenti a milioni di anni da, al punto di renderne uno dei migliori siti di raccolta sulla Terra.

Un grande collezionista nella grande Jurassic Coast

Lo stretto raggio blu della torcia frontale di James Carroll spazia metodicamente da una parte all'altra sulla ghiaia e sulle rocce di Charmouth Beach, nella contea di Dorset, sulla costa meridionale dell'Inghilterra. Ci troviamo nella Jurassic Coast e sono i primi di gennaio, sono le ore 17:30 eè già buio pesto, salvo per le luci scintillanti della città di Lyme Regis in lontananza. All'improvviso, l'autore britannico James Carroll si ferma, si china e raccoglie un nocciolo grigio opaco delle dimensioni di un pompelmo. Con facilità pratica, lo colpisce bruscamente con un martello da roccia e la pietra si divide in due per rivelare la spirale perfetta di un'ammonite di 190 milioni di anni incastonata all'interno.

Circa 200 milioni di anni fa, il litorale della Jurassic Coast era interamente sommerso da un mare tropicale. L'area si trovava allora intorno alla latitudine del Marocco e le sue acque calde sostenevano un ricco ecosistema marino pieno di tutto, dalle ammoniti (molluschi marini con un guscio protettivo arrotolato) ai feroci rettili lunghi anche fino a 10 metri. Nel corso del tempo, il mare si è ritirato e la placca tettonica su cui si trova attualmente l'Inghilterra si è spostata verso Nord, ma le rocce sedimentarie e l'argilla che hanno formato l'antico fondale marino sono rimaste pressoché intatte.

Con ogni nuova tempesta o alta marea, quelle rocce si erodono dalle ripide scogliere costiere, rivelando i resti spettacolari di creature che un tempo nuotavano nell'antico mare.

Un codice speciale per salvare i fossili della Jurassic Coast

In alcune parti del mondo, tutti i fossili sono considerati proprietà dello Stato e, anche in caso contrario, le normative possono rendere difficile la partecipazione dei collezionisti dilettanti. Ma nella Jurassic Coast, i fossili possono essere rivelati un giorno e distrutti dalle onde martellanti o trascinati in mare il giorno successivo, il che significa che né i proprietari terrieri né gli scienziati possono sperare di salvarne nemmeno una frazione.

Pertanto, il coinvolgimento del pubblico in generale è fondamentale per garantire la raccolta del numero massimo di fossili sulla Jurassic Coast per la ricerca scientifica e la visualizzazione pubblica. Un codice da collezione progressista formalizza la capacità della persona media di raccogliere fossili e ha contribuito a un enorme aumento di interesse negli ultimi anni, ulteriormente alimentato dai social media e dai film sui dinosauri.

"La cosa più importante è salvare i fossili", spiega Phil Davidson del Charmouth Heritage Coast Centre, il quale ha preso parte alla creazione del codice.

Il Codice di condotta per la raccolta di fossili del Dorset occidentale si applica a un tratto di costa di 17 chilometri tra Lyme Regis e il villaggio di Burton Bradstock, ed è stato recentemente replicato nell'East Devon. Scritto nell'inverno del 1998 da proprietari terrieri, scienziati, collezionisti, agenzie governative e organizzazioni culturali e ambientali, il codice chiarisce la proprietà e cerca di garantire sia che gli esemplari chiave siano conservati per i posteri sia che la raccolta avvenga in modo sicuro e non distruttivo.

I collezionisti sono liberi di portare a casa fossili piccoli o comuni trovati lungo la Jurassic Coast, ma possono conservare solo reperti più significativi, indicati come fossili di categoria uno, dopo averli segnalati. Un collezionista che vuole vendere un fossile di categoria uno deve offrirlo ai musei prima di acquirenti privati e deve riportare i dettagli della vendita.

Prima della crisi sanitaria globale causata dal virus Covid-19, centinaia di migliaia di dilettanti e professionisti visitano ogni anno le spiagge pietrose della zona. Il gruppo Facebook Dorset Fossil Hunters ha oltre 2.500 membri che condividono i loro ritrovamenti sulla Jurassic Coast e aiutano a identificare nuovi esemplari, mentre le iscrizioni al programma di paleontologia presso la vicina Università di Portsmouth sono quadruplicate dal 2000.

Chiunque cerca e trova fossili nella Jurassic Coast

Ogni giorno in cui il Charmouth Heritage Coast Centre è aperto e centinaia di persone vi entrano con fossili ritrovati lungo il tratto anglosassone della Jurassic Coast. Tra i numerosi reperti trovati ogni anno, solo 20/30 di questi hanno un alto interesse scientifico; ciononostante, è curioso notare come molti dei fossili giornalmente trovati non arrivino solamente da ricercatori professionisti, ma anche da dilettanti che si cimentano in questa esperienza per la prima volta.

Ne è un esempio un piccolo fossile di Pholidophorus incorporato in un nodulo di calcare, ma perfettamente conservatosi nel tempo, ritrovato proprio sul suolo della Jurassic Coast da una bambina di soli cinque anni. È raro trovare questi fossili in condizioni così buone e la scoperta è stata un evento così unico che la notizia è stata riportata anche sui vari giornali nazionali inglesi.

Anche la nota paleontologa britannica ed esperta raccoglitrice di fossili Mary Anning, all'età di 12 anni, con l'aiuto di suo fratello, scoprì uno dei primi ittiosauri del mondo. La scoperta è avvenuta all'inizio del 1800, prima ancora che il termine dinosauro fosse coniato. Anning, il cui ruolo chiave nello sviluppo della paleontologia nel Regno Unito è stato in gran parte oscurato fino a molto tempo dopo la sua morte, raccolse dozzine di esemplari scientificamente importanti, alcuni dei quali occupano ancora un posto d'onore nei musei di tutto il mondo.

Il crescente numero di visitatori della Jurassic Coast ha portato a una sana competizione. Con così tanti collezionisti che perlustrano la spiaggia, ammoniti e altri fossili popolari vanno a ruba rapidamente, incoraggiando molti clienti abituali a cercare nuovi e trascurati tipi di fossili, come insetti e pesci, molti dei quali si rivelano nuovi per la scienza.

Sempre più persone stanno iniziando a guadagnarsi da vivere collezionando fossili, vendendo i loro reperti a negozi locali, negozi londinesi di fascia alta o collezionisti privati, o mettendoli all'asta, dove un ittiosauro ben conservato può essere venduto anche per centinaia di migliaia di dollari.

Tuttavia, per i veri ricercatori e collezionisti di fossili della Jurassic Coast, il vero brivido non risiede nell’aspetto commerciale ed economico del ritrovamento, ma nell’entusiasmo di aprire una roccia e trovare al suo interno un fossile di milioni in anni indietro perfettamente intatto in ogni suo dettaglio e particolare. E soprattutto, avere la certezza di avere tra le mani qualcosa di unico, poiché non vi sono mai due fossili uguali.

Sei un appassionato o collezionista di fossili? Clicca qui per leggere il nostro articolo sui fossili indonesiani agatizzati.

 

Iscriviti alla nostra newsletter!

    *Campi obbligatori

    preloader