Per gli antichi Egizi il colore, individuato con il termine Iwen, era considerato come un elemento fortemente simbolico, tanto da essere comunicativo e pregno di significato quanto l’immagine stessa. In Egitto vi era abbondanza di luoghi da cui estrarre i pigmenti: nel Sinai si trovavano le miniere di rame, le ocre erano invece diffuse in tutta la regione, mentre i sali di sodio utilizzati per sintetizzare il blu egiziano erano presenti in abbondanza nell’oasi di Wadi Natrun.

La tavolozza degli iwen degli Egizi era costituita principalmente da sei colori, quali il bianco, il rosso, il giallo, il blu, il verde e il nero. Miscelando vari pigmenti, si potevano ottenere nuove tonalità, come il rosa ed il viola. Ognuno dei colori principali aveva il suo termine di riferimento e un chiaro significato simbolico.

Gli iwen principali erano:

Il bianco (iwen  hedj o khdj) indicava principalmente i concetti di luce, purezza e di sacralità: difatti, sono raffigurati in bianco alcuni degli oggetti che venivano adoperati durante le cerimonie religiose, quali i sandali e le vesti dei sacerdoti. I pigmenti bianchi più utilizzati erano il gesso e il calcare, dato che il territorio Egizio ne fornisce in abbondanza. Tuttavia, gli Egizi adoperavano anche la biacca e più raramente l’huntite.

iwen bianco

Il rosso (iwen deshr) aveva per gli Egizi un’accezione ambivalente. Da un lato rappresentava la vittoria e la vita. Durante le celebrazioni, gli Egizi erano soliti tingersi il corpo di rosso e indossare amuleti in corniola, pietra preziosa dal caratteristico colore rosso scuro. Inoltre, era il colore che per antonomasia simboleggiava il dio Rha, il dio del sole infuocato. D’altro canto, poteva indicare il male o il pericolo, in quanto è il colore del fuoco, che può avere un esito distruttivo sulle abitazioni e sulle messi. Sui papiri, i pigmenti rossi venivano utilizzati per indicare i giorni infausti o i nomi di persone o dei pericolosi o nefasti. Nell’iconografia, il malvagio dio Seth, assassino del fratello Osiride, veniva spesso raffigurato con gli occhi e i capelli rossi. Il pigmento rosso maggiormente adoperato era l’ocra rossa; venivano poi utilizzati anche il cinabro, il minio, il realgar e la robbia.

iwen rosso

Il giallo (iwen khenet – termine strettamente riferito al giallo ocra) simboleggiava il concetto di indistruttibilità e di eternità. Non a caso, è il colore del sole e dell’oro e gli Egizi erano soliti dipingere con l’oro la pelle degli dei. Nelle raffigurazioni delle tombe egizie, spesso anche il faraone è dipinto in questa tonalità, a testimoniare che anch’egli dopo la morte è diventato il nuovo Osiride, e quindi un nuovo dio. Il pigmento giallo maggiormente adoperato era l’ocra gialla, data la grande disponibilità su tutto il territorio. Inoltre venivano utilizzati l’orpimento, talvolta la jarosite e l’oro, applicato in sottilissime foglie.

iwen giallo

Il blu (iwen irtiu o sbedju) simboleggiava il cielo e specialmente l’acqua: più in generale si tendeva ad associarlo al Nilo e alla fecondità derivata dalle sue esondazioni. Inoltre, simboleggiava la vita e la rinascita: non a caso, il dio Amon viene rappresentato con la pelle e il volto blu, dato che per la religione egizia egli era considerato il creatore di tutte le cose, il responsabile del tempo e gli eventi atmosferici. Anche il dio Thot, caratterizzato dal volto di un airone, viene spesso dipinto in blu e, nell’iconografia, tutti gli aironi vengono dipinti nella stessa tonalità. I pigmenti blu maggiormente diffusi erano il lapislazzuli, l’azzurrite, lo smalto e il turchese. Il più noto tuttavia è il blu egiziano, ovvero il primo pigmento di sintesi realizzato nella storia, prodotto utilizzando cuprorivaite, vetro e quarzo.

iwen blu

Il verde (iwen wadhj) rappresentava il colore della crescita e della vita, oltre che della risurrezione. A testimonianza di ciò, il dio Osiride veniva spesso raffigurato con la pelle di colore verde, visto che egli fu prima ucciso dal fratello Seth e poi ritornò in vita grazie alla moglie Iside. È inoltre il colore di altre divinità, come Hator e Wadjet. I pigmenti verdi maggiormente adoperati erano la malachite, il verdigris e il verde egizio, realizzato sinteticamente come il blu egizio. Il verde inoltre veniva ottenuto miscelando il blu egizio con l’orpimento o l’ocra gialla.

iwen verde

Il nero (iwen km) simboleggiava l’Egitto stesso, in quanto ricordava il colore del limo del Nilo: infatti, per indicare la regione, spesso si utilizzava il termine Kemet, ovvero terra nera. Era inoltre collegato ai concetti di rigenerazione e fertilità, ma anche alla notte e al mondo dell’Oltretomba: per questo motivo le divinità connesse a questa accezione venivano dipinte con il nero, come ad esempio il dio sciacallo Anubi, spesso anche chiamato kmj, “il nero”. I pigmenti utilizzati per la realizzazione del nero sono fondamentalmente il nerofumo e il nero di legna, anche se potrebbero essere stati adoperati, anche se in misura minore, il nero d’avorio e la pirolusite, oltre al bitume e alla galena.

iwen nero

 

Articolo originale di Tiziana Pasciuto
http://www.researcheritage.com/2017/07/iwen-il-culto-del-colore-per-gli-antichi-egizi.html

L’azzurrite è un pigmento blu naturale minerale noto sin dalla più lontana antichità. Composto da carbonato basico di rame - 2CuCO3∙Cu(OH)2 -, sotto forma di pigmento è conosciuto anche come Azzurro della Magna (o d’Alemagna, zona di reperimento dell’azzurrite per gli artisti inglesi).

Il nome originale del minerale deriva probabilmente dall’arabo “al-lazward” o persiano “lajward”, il cui significato è, per l’appunto, colore blu. Nei giacimenti minerari di estrazione difficilmente si trovava pura: in natura, infatti, è solitamente associato alla malachite, un altro carbonato basico di rame.

Si hanno notizie dell’utilizzo di questo minerale sin dal III millennio a. C. in Egitto. Questa pietra era considerata dagli Egizi un pigmento instabile, non venne mai utilizzato come tale in larga scala, ma prevalentemente come fonte di rame per la produzione del più noto Blu Egizio. Plinio, invece, chiamava l’azzurrite “Lapis Armenium”, data la sua provenienza dall’Armenia. Per lo studioso “la migliore è quella che le si avvicina di più alla Crisocolla ed ha un colore che stinge sull’ azzurro”. Dal XII secolo in poi si iniziò a realizzare azzurrite sintetica, facendo reagire sali di rame e carbonato di calcio: tale pigmento era chiamato Blu Bice o blu turchino.

Per il suo pregio, l’azzurrite veniva spesso contraffatta con l’assai meno caro indaco. Non era raro, però, che l’azzurrite venisse venduta, a sua volta, al posto del ben più costoso pigmento oltremare. La preparazione del pigmento consisteva nella macinazione moderata del minerale: se macinato molto finemente, come descritto da Cennino Cennini (1370 – 1440) nel suo Libro dell’arte, l’azzurrite perde il suo colore caratteristico e la capacità coprente, producendo una tonalità celeste tendente al verde. La macinatura grossolana, al contrario, produce un colore scuro ma, allo stesso tempo, difficile da stendere e traslucido.

Chimicamente questo minerale è instabile e molto reattivo. A contatto con la calce o con fonti di calore può facilmente trasformarsi in Tenorite, un ossido di rame, rilasciando anidride carbonica: ciò rende l’azzurrite poco affine alla tecnica dell’affresco. Tuttavia, la peculiarità di annerirsi ad alte temperature era sfruttata dagli speziali medievali: per distinguere l’azzurrite dal blu lapislazzuli bastava scaldare un piccolo frammento di minerale fino all’incandescenza; se raffreddandosi fosse diventato nero, lo speziale l’avrebbe classificato come azzurrite, altrimenti come il più pregiato lapislazzuli. Può succedere, però, che il pigmento si alteri verso il nero anche se applicato a secco: infatti l’azzurrite tende a legarsi con i solfuri presenti nell’aria o in altri pigmenti (orpimento, realgar e cadmio), creando solfuri di rame. La forte affinità in natura con la malachite fa sì che l’azzurrite si trasformi facilmente in un pigmento verde. In effetti, i due minerali differiscono solo per quantità di ioni carbonato e a contatto con l’umidità, l’azzurrite tende a reagire e a perdere proprio quelle molecole che la differenziano dalla malachite.

azzurrite

azzurrite

Tra gli esempi più eleganti e imponenti dell’utilizzo di questo splendido pigmento, vi è sicuramente la Cappella degli Scrovegni di Padova. Costruita tra il 1303 ed il 1305, fu dipinta da Giotto nei 5 anni successivi con le “Storie della Madonna e di Cristo”. La volta azzurra rappresenta un cielo stellato, all’interno del quale l’artista ha incastonato cinque tondi raffiguranti la Madonna con Bambino, il Cristo Redentore ed i Profeti.

azzurrite             azzurrite

A causa dell’incuria delle famiglie proprietarie, nel tempo crollarono il portico frontale ed il palazzo eretto da Enrico Scrovegni: in questo modo la Cappella è stata per anni priva di protezione sul lato sinistro e sulla facciata. Grazie all’acquisto del Bene da parte del Comune di Padova nel 1881, le opere di Giotto non sono andate perse, nonostante il forte degrado subito dagli affreschi. Ricerche, studi, indagini scientifiche e diagnostiche nel corso degli anni hanno avuto come finalità quella di rallentare il degrado e di impedire la perdita totale e definitiva del capolavoro giottesco. Ad oggi la Cappella è fruibile al grande pubblico attraverso una prenotazione: nonostante tutto, l’azzurrite ce l’ha fatta!

Tratto da articolo originale di Melania Di Fazio
http://www.researcheritage.com/2017/10/cinquanta-sfumature-di-blu-azzurrite.html

Cristalli e acqua questo è un argomento molto popolare nel mondo della cristalloterapia: quali cristalli possono essere immersi nell'acqua e, cosa più importante, quali cristalli non possono essere immersi nell'acqua? I fattori da esaminare sono molti e individuali per ogni singola pietra;
La verità è che per ogni singolo cristallo ti conviene fare un’attenta ricerca prima di usare l’acqua in quanto mentre ci sono alcune generalizzazioni, ci sono altrettante eccezioni!

Cristalli e acqua: solitamente NON bisogna purificare con l’acqua i seguenti cristalli:

  1. I cristalli con un indice inferiore a 6 sulla scala di Mohs.
  2. I cristalli che contengono ferro o rame.
    Un minerale come la pirite può arrugginire a contatto con l'acqua. L'acqua potrebbe anche far dissolvere alcuni cristalli. Un cristallo di minerale di ferro non dovrebbe mai bagnarsi, soprattutto non per un periodo di tempo prolungato o completamente immerso.
  3. I cristalli che terminano con "ite" sono generalmente cristalli che non tollerano l'acqua.
    I nomi dei cristalli tendono ad essere associati con lo stesso nome a seconda delle loro caratteristiche. Pietre come malachite, calcite, ematite, fluorite e selenite dovrebbero evitare l'acqua. Hanno una bassa tolleranza all'acqua e di solito sono anche più morbidi sulla scala di durezza Mohs. Questo li rende facili bersagli per sostenere danni irreversibili se esposti all’acqua.

Cristalli tossici che non vuoi nella tua bottiglia d'acqua o nel tuo elisir

Non tutti i cristalli sono sicuri da usare in acqua come elisir, anzi, alcuni sono tossici ed estremamente dannosi. Non solo l'acqua danneggerà potenzialmente la pietra preziosa, ma un elisir di pietra naturale da questi cristalli potrebbe essere estremamente dannoso per te e il tuo benessere. I cristalli tossici possono causare malattie, reazioni allergiche o persino la morte.

Cristalli e acqua: 17 Pietre che non dovresti MAI mettere nella tua bottiglia d'acqua o in un elisir: 

  1. Actinolite: forma fibrosa dell'amianto
  2. Amazzonite: contiene rame che è tossico
  3. Angelite: contiene piombo e zolfo
  4. Azzurrite: contiene rame
  5. Crisocolla: contiene rame
  6. Granato: contiene alluminio
  7. Ematite: contiene ferro e si arrugginisce se immerso
  8. Labradorite: contiene alluminio
  9. Lapislazzuli: contiene zolfo
  10. Magnetite: contiene ferro e si arrugginisce
  11. Malachite: contiene rame
  12. Pirite: contiene ferro e tracce di zolfo
  13. Serpentina: forma fibrosa dell'amianto
  14. Stibnite: contiene piombo e antimonio
  15. Occhio di tigre: l'occhio di tigre grezzo è una forma fibrosa di amianto
  16. Unakite: contiene alluminio e può contenere anche zirconio, che è radioattivo
  17. Zircone: contiene Zirconio (radioattivo)

Questo non è affatto un elenco onnicomprensivo e dovresti sempre controllare le proprietà della tua pietra prima di creare un elisir.

Detto ciò, puoi anche creare un elisir di cristallo perfettamente sicuro con pietre che non vanno in acqua posizionando la gemma fuori dalla bottiglia d'acqua. Questo metodo indiretto è possibile perché si pensa che l'acqua sia in grado di assorbire le proprietà curative del cristallo anche se non a contatto diretto. Le cose principali a cui prestare attenzione sono se il cristallo contiene rame, piombo, zolfo, amianto o qualsiasi altra sostanza chimica tossica o dannosa che normalmente non vorresti ingerire.

Cristalli sicuri per fare un elisir di cristallo

Assicurati sempre di utilizzare cristalli sicuri per l'acqua prima di creare elisir. Assicurarti anche che le pietre siano naturali e non alterate artificialmente in alcun modo. Inoltre, assicurati che i minerali siano puliti prima di metterli in una bottiglia d'acqua.

Cristalli e acqua: 8 comuni cristalli che sono sicuri da mettere in acqua potabile

Ecco un elenco di cristalli che possono entrare nell'acqua e, più specificamente, che sono sicuri per una un elisir di cristallo o altre forme di ingestione.

  1. Ametista
  2. Ossidiana Nera
  3. Corniola
  4. Citrino
  5. Quarzo chiaro
  6. Quarzo rosa
  7. Quarzo rutilato
  8. Quarzo fumé

cristallie acqua    cristallie acqua    cristallie acqua

radice ametistaCome per i cristalli non sicuri in acqua, questo elenco non è definitivo. Puoi creare elisir anche con cristalli che non sono in questo elenco, basta che ti informi molto bene prima.

Le pietre della famiglia del Quarzo, sono generalmente tutte sicure da mettere in acqua per produrre un elisir, quindi se sei alle prime armi magari inizia con i cristalli di prima di passare ad altro.

Pulizia dei cristalli

Cristalli e acqua: mentre tutte le pietre devono essere pulite per eliminare qualsiasi accumulo di energia negativa, non tutti i cristalli possono essere purificati allo stesso modo. Come accennato in precedenza, la scala di durezza Mohs è un ottimo modo per differenziare cristalli duri e cristalli morbidi. Più morbido è il materiale, più sicuro è presumere che non debba essere pulito in acqua, specialmente non in acqua salata.

Come pulire i cristalli con l'acqua

Se ti stai chiedendo come pulire e ricaricare i cristalli con l'acqua, una grande tecnica di pulizia per le gemme è lasciare una ciotola di acqua del rubinetto fuori la notte di luna piena. Si pensa che quest'acqua assorba l'energia lunare, una potente forza che può rimuovere le energie negative da alcuni minerali. Basta immergere la tua pietra nell'acqua lunare per eliminare le energie negative.  Lasciare la pietra all'interno dell’acqua per alcune ore per ottenere gli effetti ottimali. Sono possibili periodi più lunghi senza danneggiare il quarzo, ma altri cristalli con una natura più morbida dovranno essere monitorati un po' di più mentre sono sommersi. Per alcuni cristalli e acqua invece bastano pochi minuti.

Cristalli e acqua: c'è una differenza tra la pulizia in acqua minerale e la pulizia in acqua salata?

Cristalli e acqua: mentre alcuni cristalli sono sicuri in acqua, potrebbero non essere sicuri in acqua salata. Questo perché ci sono vari minerali nell'acqua salata che possono far dissolvere alcuni cristalli. Anche se potrebbero non dissolversi completamente, la struttura che li tiene insieme diventerà più debole e diventeranno molto più inclini a crepe e rotture.

Cristalli e acqua: 21 Cristalli comuni che dovrebbero EVITARE a tutti i costi l'acqua salata
 Come sempre, questo non è un elenco completo.

  1. Fluorite
  2. Malachite
  3. Tangerine Quartz
  4. Ambra
  5. Tormalina nera
  6. Occhio di tigre
  7. Opale
  8. Turchese
  9. Labradorite
  10. Ematite
  11. Celestite
  12. Lapis Lazuli
  13. Corniola
  14. Pirite
  15. Selenite
  16. Kyanite
  17. Azzurrite
  18. Apatite
  19. Lepidolite
  20. Calcite
  21. Kunzite

Cristalli e acqua: vale anche la pena notare che il quarzo mandarino è l'eccezione alla regola della famiglia dei Quarzi. Contiene ferro e pertanto non è consigliato l'uso in acque di alcun tipo.

Quindi, quali cristalli sono sicuri da pulire in acqua salata? 11 pietre che puoi pulire in acqua salata senza problemi

Cristalli e acqua: alcuni cristalli possono rimanere in acqua salata per lunghi periodi senza alcun danno, mentre altri minerali potrebbero preferire solo un breve periodo in acqua salata. Non ci sono due minerali uguali con le loro preferenze sull'acqua. 

  1. Quarzo chiaro
  2. Quarzo fumé
  3. Quarzo rutilato
  4. Quarzo rosa
  5. Ametista
  6. Citrino
  7. Agata
  8. Diaspro
  9. Pietra di luna
  10. Avventurina
  11. Ossidiana Nera

 Cristalli e acqua: ci sono infine dei cristalli che non possono entrare affatto nell'acqua. Questi cristalli che non possono essere nell'acqua dovrebbero evitare l'acqua salata, l'acqua gemma, l'acqua corrente, l'acqua di sorgente e tutto il resto.

  1. Gesso
  2. Selenite
  3. Celestite
  4. Pirite
  5. Hematite
  6. Azzurrite
  7. Apatite
  8. Malachite
  9. Lepidolite
  10. Opale
  11. Fluorite
  12. Apofillite
  13. Smithsonite
  14. Lodestone
  15. Giada
  16. Halite
  17. Ulexite
  18. Angelite

Cristalli e acqua: potresti notare un po' di uno schema qui, da qui la precedente generalizzazione. La maggior parte dei cristalli che non possono essere messi in acqua finiscono in -ite. Molte delle pietre preziose di questo elenco potrebbero anche gestire brevi periodi sotto l'acqua corrente per una rapida pulizia, ma sei stato avvisato. Metterli in acqua per lunghi periodi di tempo potrebbe essere la loro rovina.

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pietre e cristalli:  https://geology.com/

Il valore dell'ametista, a differenza di altre pietre,  si basa principalmente sul colore piuttosto che sul peso e i carati. Le ametiste più preziose infatti sono quelle che presentano un intenso colore viola scuro con sfumature rossastre. I pezzi di ametista rosa, sebbene molto belle ed affascinanti, sono considerate le meno pregiate, poiché presentano solo una tonalità lavanda o lilla molto chiara e indistinta.

Il colore dell'ametista più ricercato è un viola rossastro intenso o viola senza zone di altri colori visibili. I commercianti solitamente prediligono il viola rossastro fortemente saturo al viola scuro, purché la pietra non sia così scura da ridurne la luminosità.
Il cristallo di grado più elevato (chiamata "Deep Russian") è eccezionalmente rara e molto pregiata.

ametista

Come si distingue un ametista vera da un ametista falsa?

  1. Colore
    Uno dei modi migliori per capire se un'ametista è reale è guardare la sua colorazione. Una vera ametista non può avere un colore uniforme dappertutto uguale ma sarà colorata in maniera simile a zone. Il colore è solitamente una tonalità che varia dal viola rosa pallido al viola scuro. Alcune pietre saranno così scure da apparire di un rosso o nero sfumato color vino e altre sono pallide come la lavanda con sfumature di bianco e blu.
  2. Chiarezza
    L'ametista è una pietra di quarzo, il che significa che è più probabile che tu veda fili sotto la superficie piuttosto che bolle. In effetti, nel quarzo, bolle e scolorimenti sarebbero in realtà piuttosto rari. Quindi, porta una lente d'ingrandimento sulla tua pietra e controlla cosa si trova sotto la superficie, se vedi bolle, potrebbe non essere quarzo in primo luogo, e se non è quarzo, di certo non è un'ametista. Le ametiste che sono veri cristalli dovrebbero essere chiare (questo non significa necessariamente cristalline). Se tieni il tuo cristallo alla luce, dovresti essere in grado di dare un'occhiata attraverso di essa senza vedere bolle o grandi scolorimenti.
  3. Prova di gravità specifica
    Non devi solo fare affidamento sui tuoi occhi quando cerchi di capire se la tua ametista è un vero affare, c'è anche un test di gravità specifica a cui puoi rivolgerti. Ci vuole un po' più di tempo per capirlo, ma ne vale sicuramente la pena se vuoi essere assolutamente sicuro. Avrai bisogno di una bilancia, un po' d'acqua e un bicchiere per misurare. Poiché la vera ametista ha un numero di gravità di circa 2,65 questo test misura esattamente questo. Ecco come farlo...
    Metti un bicchiere sulla bilancia e annotate quanto pesa, poi togli il bicchiere. Metti la tua pietra sulla bilancia e scrivi quanto pesa. Aggiungi un po' d'acqua nel bicchiere (non troppa) e annota quanta acqua hai aggiunto in base alle misure sul bicchiere. Metti l'ametista nel bicchiere. L'acqua nel bicchiere dovrebbe salire e dovresti annotare la nuova misurazione. Sottrai la misura precedente dalla nuova misura e questo ti dirà quanta acqua è stata spostata dall'Ametista. Estrai l'Ametista, scola l'acqua e riempire il bicchiere con la stessa quantità d'acqua che è stata spostata. Pesa di nuovo il bicchiere (con la stessa quantità di acqua precedentemente spostata).Ora puoi fare il calcolo della gravità: sottrai il peso originale del bicchiere dal numero che hai e ti verrà lasciato il peso esatto dell'acqua spostata. Dividi il peso del tuo cristallo con il peso dell'acqua spostata. Stai cercando un numero di circa 2,65
  4. Durezza
    Il test di durezza è sempre un ottimo indicatore, per qualsiasi cristallo, non solo per l'ametista. Ogni cristallo ha il proprio punteggio sulla scala di durezza di Mohs e sapere dove si trova l'ametista può aiutarti a capire se la tua gemma è allineata. La scala di durezza Mohs varia da 1 a 10, dove 1 è il più morbido e 10 il più duro. Ad esempio, un diamante è un 10, una lama è un 5, un'unghia è un 2 e il borotalco è 1. Allora, dove si trova l’Ametista? L'ametista è un 7, il che significa che è una gemma piuttosto dura. Qualsiasi cosa al di sotto di un 7 sulla scala di durezza di Mohs non dovrebbe essere in grado di causare danni a una vera pietra di ametista. Puoi usare l'unghia per graffiare la superficie di un'ametista e vedere se lasci un segno. In teoria, potresti anche usare una lama o un coltello, ma la maggior parte dei gioiellieri probabilmente non te lo lascerà fare 😊

I gradi delle Ametiste

AA naturale

Questa è la gamma più ampia e si applica fino al 50-75% delle gemme disponibili. Sebbene sia il più basso dei tre spettri, l'AA naturale non è nulla di prezioso. Le pietre che rientrano in questa categoria tendono ad avere inclusioni pesanti o moderate e hanno una scala di colori più vicina al viola chiaro. Normalmente acquisterai questo tipo di ametista nelle piccole gioiellerie delle strade principali.

AAA naturale

Il livello successivo,  l'AAA naturale si applica a circa il 20-30% di Ametiste. Puoi vedere lievi inclusioni in queste pietre e hanno un colore viola medio. Troverai queste gemme di ametista in famiglie di scala superiore e gioiellieri indipendenti.

ametista

AAAA naturale

In cima alla classe delle ametiste arriva il grado naturale AAAA. Questi tipi di cristalli costituiscono solo il 10% circa del mercato e sono il più vicino possibile alla perfezione. Queste gemme sembreranno il più chiaro possibile ad occhio nudo, sono ben tagliate e hanno una sfumatura di viola scuro. Dato che è così impeccabile, faticherai a vedere le imperfezioni ma non temere, se stai acquistando da un gioielliere di alto livello a un prezzo elevato sarà sicuramente incredibilmente reale.

Ametista a grappolo

Questi esemplari sono ben noti per i loro colori viola intenso e la loro bella lucentezza. Gli aggregati botroidali sembrano simili all'uva per forma e colore e spesso ricevono il soprannome di "agata d'uva". Tuttavia, "agata" non è un termine del tutto corretto qui, poiché la maggior parte dei cristalli ha una superficie secca piuttosto che una trama microcristallina. Un nome più adatto dunque sarebbe "quarzo di ametista” descrizione più accurata dal punto di vista mineralogico. Queste "agate d'uva" hanno iniziato a comparire sul mercato minerario americano nel 2016. Mentre la maggior parte del quarzo prodotto nell'area è viola, ci sono anche esemplari con altre sfumature tra cui blu-verde, grigio e marrone chiaro. L'intensità del colore in questo tipo di minerale è inversamente correlata al diametro delle singole sfere, con la più intensa che si verifica generalmente in sfere con un diametro medio di 4 mm. Si trova in Indonesia ed è stato trovato anche a ovest del fiume Green nello Utah. L'ametista botrioidale viene trovata dai minatori della zona ospitata in piccole sacche di argilla verde-azzurra ricca di calcio e magnesio. È probabile che questo cristallo si formi nell'argilla, si depositi al suo interno e si attacchi liberamente con il tempo.

ametista

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pietre e i cristalli:  https://geology.com/

 

 

 

 

 

Le forme dei cristalli sono multiple e possono essere sorprendenti. I cristalli possono assumere diverse forme in natura. Possono anche essere grezzi o burattati. I cristalli grezzi sono ovviamente più potenti e carichi di energia mentre quelli burattati (ossia lavorati dall'uomo) hanno un energia più uniforme e blanda.

Cristalli a singola terminazione

Sono cristalli a forma di colonna con una punta sola. Grazie alla loro forma sono molto utilizzati in cristalloterapia in quanto riescono a direzionare l'energia in un determinato punto abbastanza preciso. In cristalloterapia questa forma viene molto usata sui chakra in quanto se la punta viene direzionata verso l'esterno del corpo le energie negative vengono dolcemente accompagnate all'esterno e quindi veniamo purificati da esse. Esplora i quarzi!

Le forme dei Cristalli

Cristalli a doppia punta (o biterminati)

Sono cristalli a forma di colonna con una punta su entrambe le estremità. Le forme dei Cristalli determinano l'energia scorre in entrambi i sensi e quindi sono molto usati per risolvere le contradizioni. In cristalloterapia sono molto usati per eliminare i blocchi energetici ed eliminare le energie negative. Esplora i biterminati!

Le forme dei Cristalli

Cristalli Gemelli

Sono cristalli a punta che crescono uniti (quindi formano due punte distinte che partono però dalla stessa base).
Questi cristalli uniscono ulteriormente due persone e rafforzano l'incontro con l'anima gemella.

Le forme dei Cristalli

Barrette

Sono cristalli che attraggono e ritengono in modo eccellente le energie. In cristalloterapia vengono molto usate per liberarsi dalle energie negative dai chakra. I cristalli che tipicamente si sviluppano in questa forma sono il berillo, l'acquamarina, lo smeraldo, la tormalina e la malachite sudafricana.

Le forme dei Cristalli

Le Druse

Le Druse sono associazioni di cristalli che condividono la stessa base e si sviluppano con tante uniche terminazioni. La drusa più tipica è l'ametista! Le druse solitamente non vengono utilizzate direttamente in cristalloterapia ma vengono piuttosto utilizzate per purificare gli ambienti e ricaricare e/o purificare gli altri cristalli. Esplora l'ametista!

Drusa ametista

Scettro

Quarzo scettro è il nome del quarzo che mostra una crescita sproporzionatamente grande sulla sommità del cristallo; a causa della forma regale dello scettro risultante, si dice che il quarzo porti potere al suo proprietario. Esplora gli scettri!

Quarzo scettro

Le Geodi

Le Geodi sono molto simili alle druse ma invece di svilupparsi su una roccia piatta si sviluppano in una roccia tondeggiante. Le geodi solitamente non vengono utilizzate direttamente in cristalloterapia ma vengono piuttosto utilizzate per purificare gli ambienti.

geode

geode

Macle

Sono formazioni di cristalli risultanti dall'unione di due o più cristalli della stessa specie.

macle di quarzo

Radice

radice ametista

La forma di una radice di ametista può essere paragonata a una bacchetta di ametista naturale, e per questo motivo una radice di ametista sarebbe di grande utilità per qualsiasi guaritore di cristalli. Esplora gli scettri!

La Piramide

Raramente in natura si trovano cristalli di forma a piramide, queste forme solitamente sono date dall'intervento dell'uomo. Questa forma è molto usata in cristalloterapia in quanto produce un campo di energia molto forte, equilibrato e stabile. Questa forma favorisce molto la meditazione e il rilassamento. Queste piramidi vengono molto utilizzate anche per armonizzare gli ambienti. Esplora le piramidi!

shungitepiramideUNpolished shpyun 02 3

Le Pietre Burattate

Le forme dei cristalli che vengono levigati dall'uomo  possono trovarsi in moltissime forme e misure. Questi cristalli vengono impiegati anche moltissimo in gioielleria. Indossate come pendente proteggono dalle energie negative. In cristalloterapia invece vengono spesso usate per allestire gli ambienti o utilizzate inizialmente perché possiedono un'emissione energetica più blanda rispetto ai cristalli grezzi. Le forme di questi cristalli le rendono adatta ad essere tenute in mano o portate in tasca.Vengono spesso utilizzati nelle sedute di massaggio. Esplora le piramidi!

pietreburattateuovo legnopalma 1

Le Sfere

Sono cristalli che non si trovano in natura e quindi sono per forza stati creati dall'uomo. Le sfere, una delle forme dei cristalli,  sono state utilizzate fin dall'antichità a livello terapeutico in quanto creano campi protettivi grazie a vibrazioni molto potenti. Le sfere agiscono sulle aure. Le Sfere sono molto utilizzate in cristalloterapia poste sui chakra o sui punti meridiani dell'agopuntura. Sono cristalli molto potenti ed efficaci.

bumblebeesfera bbsf09

Barnacle

Sono cristalli ricoperti da altri cristalli più piccoli. Una delle forme dei cristalli più suggestiva e strana da trovare.

Quarzo cactus

Le forme dei cristalli non finiscono qui: esistono dei cristalli figli, dei cristalli con fantasmi,  delle torri, dei cuori, delle forme libere, le pietre da palmo e chi più ne ha, più ne metta. L'importante è sapere che esistono dellle forme dei cristalli per ogni nostra esigenza e che sta a noi scegliere la forme dei cristalli più adatti alle nostre esigenze.

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pietre e cristalli:  https://geology.com/

L'importanza della purificazione dei cristalli
I cristalli che compriamo e poi utilizziamo sia come ornamento personale (pendente, orecchini e altri gioielli), sia come ornamento degli ambienti sia come strumento di lavoro (se facciamo cristalloterapia) vengono costantemente a contatto con energie negative che assorbono spontaneamente dell'ambiente circostante oppure dalle persone stesse. Proprio per questo i cristalli vanno purificati regolarmente e frequentemente.

I cristalli vanno purificati per due ragioni fondamentali:
1 - Per rimuovere le impurità come la polvere e le varie sporcizie che possono alterarne sia la bellezza fisica che il loro utilizzo.
2 - Per rimuovere le energie negative accumulate al loro interno

Cosa succede se il cristallo non viene purificato?
A livello puramente estetico può risultare sporco, meno brillante, lucente e opaco.
A livello energetico invece può causare sintomi quali malessere generale, capogiri, nervosismo, angoscia, mal di testa, negatività.

Come Purificare i Cristalli?

E' molto importante sapere purificare i cristalli in maniera adeguata per non danneggiarne la struttura chimica/fisica e per non alterarne le proprietà. Ogni cristallo infatti possiede delle specifiche caratteristiche fisiche, mentali e spirituali che vanno rispettate in modo da mantenere il cristallo il più efficace possibile.
Detto ciò, esistono vari modi di purificare i cristalli...sei pronto a scoprire quali? A seguito vi riportiamo solamente i più efficaci ma ne esistono molti altri.

La purificazione con il sale

Questo metodo di purificazione è il più aggressivo di tutti in quanto riprogramma completamente il cristallo cancellando ogni tipo di informazioni da esso accumulate nel tempo.
Questo tipo di purificazione viene consigliata all'acquisto di una nuova pietra oppure quando il cristallo in questione provoca al suo proprietario un forte disagio quando egli entra in contatto con il minerale.
Il cristallo non deve mai essere a diretto contatto con il sale in quanto questo stretto contatto può danneggiare il cristallo! Consigliamo di riporre il cristallo in un bicchiere di vetro o in un recipiente più grande ma comunque sempre di vetro. Il vetro permette lo scambio delle energie tra il cristallo e il sale cosa che per esempio non fanno altri materiali come la plastica, la lana, la gomma e/o la seta.
Consigliamo di usare il sale grosso e lasciare il cristallo a depurificarsi per 2 ore circa.

Non bisogna purificare con il sale (a contatto diretto):
Actinolite, Agata dal Pizzo Blu, Ambra, Angelite, Antimonite, Apatite, Apofillite, Aragonite, Astrofillite, Azzurrite, Azzurrite-Malachite, Biotite, Blenda, Boji, Bronzite, Calcedonio, Calcite, Calcopirite, Cassiterite, Cavansite, Celestina, Cianite, Ciaroite, Cinabro, Coppale, Covellina, Crisocolla, Crisoprasio, Danburite, Diaspro, Rosso, Diaspro, Paesaggio, Dioptasio, Dolomite, Epidoto, Egirina, Eliotropio, Ematite, Emimorfite, Eritrite, Fluorite, Fuchsite, Gaietto, Giada, Iperstene, Iddenite, Kunzite, Labradorite, Lapislazzuli, Larimar, Lepidolite, Magnesite, Magnetite, Malachite-Crisocolla, Malachite, Moqui, Marbles, Marchesite, Tectiti, (Meteoriti), Moldavite, Morganite, Occhio di Bue, Occhio di Falco, Occhio di Tigre Ferroso, Occhio di Tigre, Opale di Fuoco, Opale, Pietersite, Petalite, Pietra del Sole, Pietra di Luna, Realgar, Pirite, Rodocrosite, Serafinite, Stilbite, Staurolite, Smithsonite, Selenite, Tormalina, Turchese, Unakite, Vanadite, Variscite, Zolfo.

La purificazione con l'acqua

Questo tipo di purificazione è efficace specialmente per i cristalli che sono esposti in ambienti affollati e che non hanno un contatto diretto con le persone fisiche.
L'acqua calda non deve mai essere usata sui cristalli in quanto li danneggia, mentre un getto di acqua poco forte fredda per qualche minuto giova a molti cristalli come per esempio i quarzi. Non tutti i cristalli tollerano la purificazione con l'acqua quindi è importante informarsi prima di usare l'acqua!

Solitamente Non bisogna purificare con l’acqua i seguenti cristalli:

  1. I cristalli con un indice inferiore a 6 sulla scala di Mohs.
  2. I cristalli che contengono ferro o rame.
    Un minerale come la pirite può arrugginire a contatto con l'acqua. L'acqua potrebbe anche far dissolvere alcuni cristalli. Un cristallo di minerale di ferro non dovrebbe mai bagnarsi, soprattutto non per un periodo di tempo prolungato o completamente immerso.
  3. I cristalli che terminano con "ite" sono generalmente cristalli che non tollerano l'acqua.
    I nomi dei cristalli tendono ad essere associati con lo stesso nome a seconda delle loro caratteristiche. Pietre come malachite, calcite, ematite, fluorite e selenite dovrebbero evitare l'acqua. Hanno una bassa tolleranza all'acqua e di solito sono anche più morbidi sulla scala di durezza Mohs. Questo li rende facili bersagli per sostenere danni irreversibili se esposti all’acqua.

La purificazione con la Terra

Questo tipo di purificazione è efficace e speciale in quanto purifica e ricarica i cristalli contemporaneamente. Il procedimento è semplice; bisogna riporre il cristallo su di un terreno asciutto posto possibilmente in un sacchetto di tessuto (in maniera che non si sporchi) per un periodo di circa 5/6 ore. Non fatelo in prossimità di piante sofferenti o malate in quanto queste potrebbero trasmettere energie negative al cristallo e vanificarne la purificazione.
Dopo questo procedimento il cristallo dovrà essere tenuto in mano per qualche minuto in modo da attivarne le vibrazioni positive.

Non bisogna purificare con la terra (a contatto diretto):
Agata dal Pizzo Blu, Angelite, Azzurrite, Azzurrite-Malachite, Calcedonio, Calcite, Calcopirite, Celestina, Fluorite, Malachite, Malachite-Crisocolla, Rodocrosite, Selenite, Turchese.

La purificazione con i fiori di Bach

Questo tipo di purificazione è efficace per tutti i tipi di cristalli tranne quelli che non tollerano il contatto diretto con l'acqua! Per questo metodo basta semplicemente versare un paio di gocce di estratti di fiori di Bach direttamente sul cristallo lasciarlo agire per qualche minuto e poi risciacquare con acqua corrente.

Non bisogna purificare con i fiori di Bach:
Actinolite, Agata dal Pizzo Blu, Ambra, Angelite, Antimonite, Apatite, Apofillite, Aragonite, Astrofillite, Azzurrite, Azzurrite-Malachite, Biotite, Blenda, Boji, Bronzite, Calcedonio, Calcite, Calcopirite, Cassiterite, Cavansite, Celestina, Cianite, Ciaroite, Cinabro, Coppale, Covellina, Crisocolla, Crisoprasio, Danburite, Diaspro, Rosso, Diaspro, Paesaggio, Dioptasio, Dolomite, Epidoto, Egirina, Eliotropio, Ematite, Emimorfite, Eritrite, Fluorite, Fuchsite, Gaietto, Giada, Iperstene, Iddenite, Kunzite, Labradorite, Lapislazzuli, Larimar, Lepidolite, Magnesite, Magnetite, Malachite-Crisocolla, Malachite, Moqui, Marbles, Marchesite, Tectiti, (Meteoriti), Moldavite, Morganite, Occhio di Bue, Occhio di Falco, Occhio di Tigre Ferroso, Occhio di Tigre, Opale di Fuoco, Opale, Pietersite, Petalite, Pietra del Sole, Pietra di Luna, Realgar, Pirite, Rodocrosite, Serafinite, Stilbite, Staurolite, Smithsonite, Selenite, Tormalina, Turchese, Unakite, Vanadite, Variscite, Zolfo.

La purificazione con l'argilla

Questo tipo di purificazione è molto efficace e rappresenta un ottima alternativa al sale. Basta riporre il cristallo in un sacchetto di cotone (sempre per evitare che si sporchi a contatto con l'argilla stessa) e immergerlo completamente nell'argilla oppure semplicemente adagiarlo sopra l'argilla (possibilmente verde ventilata) per minimo 1 ora fino a tutta una notte. L'argilla può essere messa in recipiente di legno, vetro e/o coccio. Se optate per poggiare il cristallo sull'argilla ricordatevi di girarla dopo qualche ora in modo che tutto il cristallo venga a contatto con l'argilla. Note bene che l'argilla non può essere riutilizzata più di un paio di volte in quanto sarà carica di energie negative.

Non bisogna purificare con l'argilla verde (a contatto diretto):
Agata dal Pizzo Blu, Angelite, Azzurrite, Azzurrite-Malachite, Calcedonio, Calcite, Calcopirite, Celestina, Fluorite, Malachite, Malachite-Crisocolla, Rodocrosite, Selenite, Tormalina, Turchese.

La purificazione con la drusa di Ametista

Questo tipo di purificazione è molto efficace specialmente per i cristalli che hanno assorbito poca energia negativa e serve particolarmente per ricaricarli più che purificarli. Questo metodo è meno efficace che la purificazione con il sale, l'argilla o la terra ma comunque molto soddisfacente.
Basta poggiare il cristallo che intendiamo ricaricare direttamente sulla drusa di ametista possibilmente non sulle punte più grosse (la drusa tramite queste punte si ricarica costantemente e quindi non andrebbero coperte!)
Nota bene che le Druse di Ametista si rigenerano e purificano autonomamente se lasciate sole per qualche giorno.

La purificazione con il Simbolo Antahkarana

simbolo Antahkarana

La purificazione con questo sistema è molto efficace e può essere utilizzato con tutti i cristalli. Il simbolo Antahkarana è un simbolo tibetano molto antico che unisce il cielo e la terra e purifica le energie squilibrate. Basta poggiare il cristallo che vogliamo purificare sul simbolo Antahkarana per un minimo di 4 ore circa e la vostra pietra sarà purificata ma non altrettanto ricaricata!

Come Ricaricare i Cristalli?

Ricaricare tramite la luce solare

Per questo procedimento basta esporre il cristallo alla luce diretta per circa 3 ore. Attenzione però perché non tutte le pietre tollerano la luce solare diretta in quanto i raggi solari potrebbero scolorire il cristallo stesso. Se incerti coprite il cristallo con un panno in modo che il cristallo non sia direttamente esposto ai raggi solari.

Ricarica tramite la luce lunare

Per questo procedimento basta esporre il cristallo alla luce diretta di una luna crescente o luna piena per un intera notte ricordandosi di togliere il cristallo quando esce l'alba.

Ricarica tramite Drusa di Ametista

Per questo procedimento basta adagiare il cristallo sulla drusa di Ametista per un intera notte. Vedi le nostre druse!

Ricarica tramite la Terra

Il procedimento è semplice; bisogna riporre il cristallo su di un terreno asciutto posto possibilmente in un sacchetto di tessuto (in maniera che non si sporchi) per un periodo di circa 5/6 ore. Non fatelo in prossimità di piante sofferenti o malate in quanto queste potrebbero trasmettere energie negative al cristallo e vanificarne la purificazione.
Dopo questo procedimento il cristallo dovrà essere tenuto in mano per qualche minuto in modo da attivarne le vibrazioni positive.

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pietre e cristalli:  https://geology.com/

Una gemma trapiche è un minerale che si forma con una stella radiante di inclusioni tra i settori di crescita ed è una formazione molto particolare.

La trapiche non è da confondere con le pietre stellari (tipicamente cristalli che hanno dei riflessi di stella all’interno, ad esempio quarzo rosa). Alcuni si formano con un nucleo o un mozzo con raggi che si irradiano verso l'esterno dal nucleo, mentre altri formano raggi dal centro della gemma. Solo i minerali con un abito cristallino altamente simmetrico sono noti per formare i "raggi" o le "braccia" che definiscono una gemma trapiche. Inoltre, tutte le vere gemme trapiche contengono inclusioni di materia organica.

Quali minerali possono formare trapiche?

Nel 1879, Emile Bertrand descrisse per la prima volta una gemma trapiche, uno smeraldo di Muzo, in Colombia. In effetti, gli smeraldi trapiche possono essere gli esempi più noti di questo tipo di gemme.Gemma trapiche

Nel 1995, oltre un secolo dopo la prima descrizione degli smeraldi trapiche, Mong Hsu, in Myanmar, riferì di aver trovato rubini trapiche. L'anno successivo, gli zaffiri trapiche entrarono nel mercato. I laboratori gemmologici hanno anche confermato esemplari di tormalina trapiche, granato, quarzo, spinello, acquamarina e chiastolite.

Soddisfacendo il desiderio umano di simmetria, la gemma trapiche ha un fascino speciale. Un trapiche è un tipo di mola utilizzata per lavorare la canna da zucchero. I suoi raggi ne facevano l'omonimo della gemma trapiche, con i loro "raggi" o "braccia" di inclusioni tra la crescita di minerali gemmosi. Poiché le condizioni geologiche necessarie per creare questa gemma trapiche non sono comuni, i trapiche sono alcuni degli esemplari più rari sulla Terra. A causa della loro scoperta abbastanza recente e dell'estrema rarità, sono disponibili relativamente poche informazioni su queste gemme. In questa introduzione vi esporrò alcuni dei fatti di base su queste pietre e sulla loro formazione.

 

Formazione di gemme trapiche

I veri trapiche si formano dove le acque geotermiche incontrano una roccia ospite con carbonio. Questi fluidi sono pieni delle sostanze chimiche che portano alla formazione di gemme, quindi possono formarsi cristalli semipreziosi. Quindi, durante la crescita dei minerali si verifica un tipo di zonazione. La gemma cessa di crescere lungo i bordi ruvidi del cristallo. Invece, cresce solo sulle facce lisce. Questo porta alle facce di crescita equivalenti che mostrano le gemme trapiche.

Tipo A e Tipo B

Quando il materiale gemma cresce sulle facce minerali, con bracci di inclusioni, la gemma trapiche è “tipo A” o “standard”. Possono essere presenti anche esemplari eccezionalmente rari di “tipo B” o “inverso”. In questi esemplari, il materiale stesso della gemma forma le braccia.

Gemme simili a Trapiche

La vera gemma trapiche ha inclusioni tra le sezioni di crescita. Tuttavia, la semplice suddivisione in zone del colore o la crescita di inclusioni all'interno di un cristallo può creare modelli "simili a trapiche" in alcune gemme. Ciò significa che il cristallo di queste gemme simili a trapiche è continuo, mentre nei veri trapiche il minerale è scomposto in settori che crescono individualmente. Tuttavia, queste gemme hanno la straordinaria simmetria associata alle gemme trapiche e sono anche immensamente rare. Gli stessi minerali che formano i veri trapiche possono formare zone cromatiche simili a trapiche o, nel caso del quarzo rutilato, inclusioni a motivi spettacolari. Inoltre, il diamante e la pezzottaite (una parte della famiglia del berillo) possono trasformarsi in gemme simili a trapiche. I minerali con abitudini cristalline meno simmetriche possono anche formare gemme simili a trapiche. Ad esempio, la rodocrosite simile al trapiche si trova in Argentina.

Gemme trapiche

Trapiche finte

Basta sfogliare le foto che appaiono per le gemme trapiche e vedere che si presentano una serie di falsi trapiche. Molti sembrano avere delle braccia disegnate con un pennarello magico, mentre altri sembrano pezzi di vetro disposti nel cemento. Sono estremamente economici in termini di esemplari trapiche ma decisamente troppo cari per quello che sono in realtà, il che li rende fraudolenti. A parte le caratteristiche di crescita irrealistiche ovvie a qualsiasi geologo e appassionato di minerali, una gemma trapiche così grande e perfettamente chiara arriverà anche con un rapporto di un laboratorio credibile con cui puoi verificare.

trapiche falsa

5 cose da sapere sulle gemme Trapiche

  1. La gemma trapiche hanno modelli di crescita cristallografici equivalenti separati da confini di inclusioni. Secondo "Gems & Gemology" del Gemological Institute of America, questi confini si intersecano in un punto centrale o si estendono da un nucleo centrale, creando uno schema che, spesso, ricorda una ruota. Le gemme trapiche sono inoltre caratterizzate dalla loro elevata simmetria - che appare in maniera esagonale, ad esempio, per gli smeraldi - e presentano inclusioni di materia organica.
  2. i sono un certo numero di pietre preziose che possono essere trovate nelle varianti  gamma trapiche. I modelli di raggi che definiscono le gemme trapiche sono meglio conosciuti nel popolare berillo verde, ma si possono trovare anche corindone trapiche, granato, tormalina e chiastolite, sebbene la chiastolite mostri solo quattro braccia e a volte non venga considerata una vera pietra trapiche .
  3. La storia del trovare e studiare la gemma trapiche è lunga, soprattutto per gli smeraldi. Secondo Gems & Gemology, gli smeraldi trapiche colombiani furono descritti per la prima volta dal mineralogista francese Emile Bertrand nel 1879 in una riunione per la Société Géologique de France, sebbene non avessero ancora un nome. Il primo uso noto di smeraldi trapiche in gioielleria è in un anello d'oro dell'inizio del XIX secolo di un artista sconosciuto che è stato lasciato in eredità al Victoria & Albert Museum di Londra. I rubini trapiche della Birmania, nel frattempo, sono stati documentati per la prima volta nel 1995, ma le pietre sono state trovate anche in Guinea, Kashmir, Pakistan, Nepal, Sierra Leone e Tagikistan. Gli zaffiri Trapiche sono apparsi per la prima volta sul mercato delle gemme all'inizio del 1996, quando alcuni campioni sono stati offerti a Basilea da un commerciante di gemme di Berlino e sono stati trovati in Australia, Cambogia, Cina, Francia, Kenya, Madagascar.
  4. L'offerta e la domanda di gemme trapiche sono rimaste abbastanza coerenti. Come con qualsiasi pietra preziosa rara, i trapiche completi sono ancora piuttosto difficili da trovare ma potrebbe esserci un'opportunità, per quanto grande, con pezzi o pietre trapiche parziali, che possono creare pezzi unici come le ali di farfalla.
  5. I prezzi sono aumentati. L'enorme curiosità per queste pietre hanno creato un aumento di prezzi; infatti si sono visti raddoppiare i prezzi negli ultimi cinque anni per il materiale più pregiato.

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pietre e cristalli:  https://geology.com/

Il diaspro è molto conosciuto nel mondo delle rocce e dei minerali ed è una varietà microcristallina del minerale calcedonio. Microcristallino significa che i suoi cristalli sono troppo piccoli per essere visti ad occhio nudo. Anche se spesso è indicato come un minerale, il diaspro è in realtà una roccia perché, sebbene composta principalmente da quarzo e / o calcedonio, presenta anche impurità di molti altri minerali e sostanze. Per questo motivo il minerale è opaco e queste impurità sono anche responsabili dei molti colori e disegni diversi della pietra.

La presenza nella roccia del minerale ematite fa virare al rosso questo cristallo, l'argilla presenta un colore bianco giallastro o grigio e la goethite provoca i gialli e marroni. La pietra mostra spesso più di un colore e mentre il blu è raro, le sfumature di rosso, giallo e marrone sono le più comuni anche se sono possibili molti altri colori.

La formazione del minerale inizia quando i sedimenti presenti nell'acqua sotterranea contenente silice si attaccano tra loro mentre l’acqua stessa è filtrata attraverso la roccia sedimentaria e successivamente si prosciuga. La silice quindi agisce come una sorta di colla e cementa il tutto insieme. I diversi tipi di sedimenti determineranno i colori presenti nel diaspro mentre i motivi/disegni della pietra sono spesso il risultato del movimento di forze naturali che hanno messo assieme il sedimento (oppure cenere vulcanica).

Questo ristallo è molto noto per la sua ampia varietà di colori e disegni, è quasi sempre opaca.

L'identificazione dei tanti e diversi tipi di diaspro che si possono trovare in tutto il mondo è a volte leggermente più semplice perché la prima parte del nome può offrire un indizio su una caratteristica specifica o sulla località in cui è stata estratta. Diaspro dalmata, pelle di leopardo e diaspro zebra presentano tutti disegni che si dice assomiglino ai rispettivi animali. Il diaspro paesaggio, panoramico e pietra paesina sono tutti i tipi di pietra contenente fango pietrificato mentre le mookaiti che provengono dall'Australia occidentale prendono il nome da Mooka Creek dove viene estratto. Ci sono letteralmente centinaia di nomi diversi, ma molti, tra cui noreena, policromo, papavero e diaspro imperiale per citarne solo alcuni, offrono poco o nessun indizio sulle origini o sulle caratteristiche della pietra.

VEDIAMO INSIEME I VARI DIASPRO:

Diaspro Biggs (Biggs Jasper)

Il Biggs è una varietà del diaspro minerale. È un "diaspro paesino" - un diaspro che presenta motivi e colori particolari - ed è usato come una pietra preziosa opaca. Presenta motivi intricati, a conchiglia o a strati in tonalità di marrone che vanno dal beige al marrone scuro. La pietra fu scoperta per la prima volta intorno al 1960 vicino a Biggs Junction, nell'Oregon, e si trova nei depositi di basalto del Pacifico nord-occidentale americano. Il Biggs si è formato quando il fango della cenere vulcanica si è depositato su un terreno basaltico e successivamente è stato riscaldato e compresso attraverso l'attività vulcanica. A causa di questa origine sedimentaria, è relativamente raro ed è valutato come una pietra preziosa.

Diaspro Brecciato (Brecciated Jasper)

Il brecciato è un cristallo rosso opaco con un mix di colori crema, marrone e grigio che formano motivi vorticosi ovunque. Può essere venato con ematite grigio argento. Si trova comunemente come pietre burattate con una lucentezza vetrosa.

Diaspro Bombo (Bumblebee Jasper)

Il bombo (che in realtà non è un vero diaspro) è un complesso minerale di carbonato di calcio con inclusioni di arsenico e ossidi di manganese. La fascia e la stratificazione, che ricorda un comune calabrone (da cui il nome), sono causate da inclusioni di zolfo (giallo), calcio e aragonite (bianco), Orpimento e Realgar (arancione) e pirite (nero). Questo minerale è stato scoperto solo di recente negli anni '90 nel vulcano Papandayan, nella provincia di Java occidentale, in Indonesia.

Diaspro Dalmata (Dalmatian Jasper)

La "pietra dalmata", chiamata anche "diaspro dalmata", è un materiale di colore da bianco a crema con macchie nere prodotto a Chihuahua, in Messico. Ricorda alla gente la razza di cani dalmata - ed è da lì che prende il nome. Sebbene molte persone chiamino questo materiale "diaspro", in realtà è una roccia ignea.

Pietra Paesina (Florence Jasper)

La pietra Paesina è il caso più eclatante di “pietre figurate”, la migliore varietà proviene solo dalle colline che circondano la città di Firenze. La pietra paesina è una roccia sedimentaria costituita principalmente da calcare compatto e argilla, che si è formata per deposizione strato su atrato sui fondali marini circa 50 milioni di anni fa (Eocene/paleocene)

Diaspro Kambaba (Kambaba Jasper)

Il Kambaba, noto anche come diaspro coccodrillo (Crocodile Jasper), è una pietra esotica che si trova solo in Africa. Contiene fossili di stromatoliti vecchi di tre miliardi di anni. È una pietra composta principalmente da quarzo e feldspato con alghe fossilizzate. È una pietra dall'aspetto molto interessante con materiale che forma turbini principalmente verde insieme a occhi neri (orbicole) che spesso hanno più verde al centro.

Diaspro Leopardo (Leopard SkinJasper)

La pietra a pelle di leopardo, a volte è anche nota come pietra del giaguaro per via dei suoi tanti bei colori e dei suoi motivi maculati unici. Il diaspro leopardo è una forma di biossido di silicio che ha molte inclusioni che creano modelli distinti e desiderabili. In generale i diaspri contengono circa il 20% di corpi estranei o inclusioni che possono variare da ossidi minerali a materiali organici. Questo particolare diaspro è orbicolare e ha un sistema cristallino trigonale. I suoi colori sono spesso arancioni o verdi con inclusioni vetrose e bande leopardate.

Diaspro Mookaite Australiano (Australian Jasper)

La Mookaite è un diaspro australiano che proviene da Mooka Creek nei Kennedy Ranges dell'Australia occidentale. È una varietà di calcedonio, che è una varietà microcristallina di quarzo. È una pietra piuttosto particolare nella grande famiglia dei diaspri. I suoi colori vanno dal rosso scuro al bianco, passando per il giallo e il marrone disposti in diversi strati. Chimicamente parlando, il diaspro mokaite ha le proprietà del diaspro. Ha la stessa composizione di silice che è l'elemento principale del diaspro con inclusioni di metalli e minerali che definiscono i possibili colori della pietra.

Diaspro Noreena (Noreena Jasper)

Il Noreena è la pietra più recente dell'Australia occidentale. Prende il nome dalla proprietà in cui è stato trovato per la prima volta - Stazione di Noreena ed è molto simile alla Mookaite. Noreena Jasper, una pietra fangosa silicizzata, concepita per essere un'autoctona della terra naturale, viene estratta esclusivamente dalla regione di Pilbara nell'Australia occidentale. Si dice che il luogo da cui esce si trovi vicino alla città mineraria del minerale di ferro di Newman, a circa 700 miglia a nord della capitale Perth. È rinomato per i suoi modelli non figurativi di rosso ruggine o un po’ giallo senape insieme a tinte crema.

Diaspro Oceanico (Ocean Jasper)

L'oceanico, noto anche come Orbicular Jasper o Cellular Jasper, è una varietà molto rara di diaspro, un minerale di biossido di silicio e un membro della famiglia dei quarzi. Il suo disegno è definito da motivi circolari simili a "sfere" che possono essere visti come verdi, marroni, blu, gialli, grigi, bianchi, rosa o rossi. Questo minerale insolito ha solo una località conosciuta che offre ostacoli estremi anche per arrivarci. Questo minerale viene estratto dalla base di una scogliera accessibile solo in barca durante la bassa marea. La posizione esatta è Marovato, Ambolobozo, distretto di Analalava, regione di Sofia, provincia di Mahajanga, Madagascar; che si trova lungo la costa nord-orientale del paese.

Diaspro Orbicolare (Orbicular Jasper)

L'orbicolare è una varietà che contiene sfere di colore variabile o inclusioni o zone sferiche. Nella riolite o nel tufo altamente silicizzati, il quarzo e il feldspato cristallizzano in aggregati radiali di cristalli aghiformi che forniscono la base o il seme per la struttura orbicolare vista in questo tipo di diaspro.  Il materiale è piuttosto attraente quando lucidato e viene utilizzato come pietra ornamentale o gemma.  Vari nomi locali o commerciali sono stati usati per il materiale, come kinradite, oregonite, diaspro owyhee, diaspro oceanico e diaspro con motivo a papavero, a seconda della fonte. Diaspro con motivo a papavero o diaspro di papavero è il nome della varietà del materiale proveniente da diverse località, ma il più noto è di Morgan Hill, contea di Santa Clara, California.

Diaspro Owyhee (Owyhee Jasper)

L'Owyhee, anche chiamato Owyhee Picture Jasper oppure Morrisonite, dal nome dello scopritore, proviene dall'aspra area montuosa di Owyhee situata al confine Idaho-Oregon, appena a sud di Homedale, Idaho. L'Owyhee è uno dei diaspri molto popolari, noti per le loro raffigurazioni di paesaggi montuosi o desertici, con o senza il "cielo blu", in Italia è molto nota la pietra paesina. Ora ci sono circa 6 diverse varietà che rientrano nel nome di diaspri Owyhee. Questa zona è ricca di diaspri colorati. Vicino alla zona di Owyhee si trovano le aree di Wild Horse e Rocky Butte. Si dice che questo materiale sia stato trovato nel 1967 da Bruce Markus e Ralph Fulson mentre seguivano Mustang selvaggi nel loro fuoristrada. Videro una bella roccia affiorante e ne raccolsero qualche centinaio di chilogrammi. Più tardi sono tornati e hanno rivendicato l'area. La miniera è molto isolata e si affaccia sul fiume Owyhee.

Diaspro Policromo (Polychrome Jasper)

Il materiale semiprezioso è stato trovato per la prima volta sulla costa nord-occidentale del Madagascar nel 2008, mentre i ricercatori stavano cercando altri depositi del popolare diaspro oceanico. Il Madagascar è una nazione insulare nell'Oceano Indiano al largo della costa sud-orientale dell'Africa. Si dice che il deposito sia piccolo, ma in realtà ci sono 3 diverse località vicine l'una all'altra e vicine alle località di diaspro oceanico. Tutto il materiale viene scavato a mano. Tuttavia si trova in massi, alcuni enormi.  Policromo significa "l'atto di decorare le cose in una varietà di colori". Questo è un nome molto appropriato per questo diaspro colorato. È disponibile in un arcobaleno di colori: marroni, arance, viola, blu, rosa e verdi. Può essere a fasce o orbicolare o spesso ha un motivo circolare o sfere. Viene anche conosciuto sotto il nome di Royal Savannah Jasper e Desert Jasper.

Diaspro Pelle di Serpente (Snakeskin Jasper)

Il pelle di serpente è una pietra semi preziosa che viene dalla stazione di Turee Creek nella regione di Phibara in Austalia Occidentale. È rosso, rosso aranciato e fascia bianca e prende il nome dal grazioso motivo simile alla pelle di un serpente. Il giacimento di Snakeskin si trova a circa 100 miglia dalla città mineraria di minerale di ferro di Newman, che si trova a circa 700 miglia a nord della capitale, Perth. Questa regione è uno dei maggiori produttori di minerale di ferro di alta qualità al mondo. Prende il suo colore rosso dalla presenza del ferro. Le bande e i vortici interessanti provengono dal movimento della terra. Si ritiene che il materiale roccioso abbia circa 2,5 miliardi di anni.

Diaspro Willow Creek (Willow Creek Jasper)

Il Willow Creek è una bella gemma semipreziosa dell'Idaho e si forma in realtà come il centro di gigantesche sfere, alcuni grandi fino a 3 metri di diametro. I cabochon di Willow Creek sono noti per i loro tenui colori pastello in rosa, verde e marrone chiaro e per i suoi motivi a linee ondulate e per i motivi a orbicolari, che danno vita a cabochon di design davvero unici. Rispetto ad altri bei diaspri, Willow Creek ha meno fratture naturali.

Diaspro Zebrato (Zebra Jasper)

Il minerale zebrato è tipicamente bianco con strisce nere come una zebra, ma è disponibile anche in variazioni di colore come il verde, il rosso e il marrone con il bianco. Come altri diaspri, il diaspro zebra si trova in tutto il mondo ed è stato utilizzato fin dall'antichità. Ma, a differenza di molti diaspro macchiati, questa varietà di marmo di diaspro è a strisce.

Diaspro Maligano (Maligano Jasper)

Il Maligano è il nome dato a una varietà di diaspro brecciato scoperta di recente che è stata trovata in Indonesia intorno al 2011-2012. Il nome deriva dal piccolo villaggio in cui si trovava sull'isola di Sulawesi (parte delle quattro Grandi Isole della Sonda). Contiene diversi colori di Jasper (blu, rosso, arancione, giallo, grigio e beige) con venature di un'agata grigio-argento che ha riempito le cavità.

Diaspro Nido di Ragno (SpiderWeb Jasper)

La Spiderweb è una pietra meravigliosa che proviene principalmente dalle miniere nordamericane. La maggior parte dei tagli attualmente sul mercato ha visto la luce per la prima volta in Messico e negli Stati Uniti sudoccidentali. Non importa da dove provenga, non si può negare la bellezza intrinseca di questo minerale. Lo sfondo è di un bellissimo bianco neutro. Inoltre, inclusioni lineari si intrecciano attorno alla pietra per creare un motivo accattivante. Come un'opera d'arte astratta moderna, queste rocce sono cose di bellezza!

Diaspro Dendritico (Dendrite Jasper)

Occasionalmente, i diaspri che contengono "dendriti" hanno minuscoli motivi piumati neri che sembrano bellissimi dipinti di paesaggi o scene naturali. A causa della loro novità, i diaspri dendritici mantengono un alto valore di mercato e ottengono prezzi premium, specialmente quelli che esibiscono scene naturali mozzafiato. A causa della loro incarnazione della natura, le proprietà del diaspro dendritico provocano una chiarezza mentale acuta e un pensiero rapido, rendendoli merci calde per artisti, scrittori, inventori e tipi creativi.

Diaspro Cameo (Cameo Jasper)

Un'aggiunta unica che gli esseri umaniaggiungono a questa pietra naturale è inciderli nei cammei. I cammei  più belli hanno colori vivaci e motivi distinti che risaltano dal rilievo scolpito. I cammei divennero popolari nel 19° secolo quando l'azienda inglese Wedgwood li produsse e divennero i capisaldi dello stile dell'epoca.

Diaspro Imperiale (Imperial Jasper)

Una delle varietà più pregiate in circolazione è l'imperiale, che fa parte di una prestigiosa lega con cinque diaspri pregiati insieme al jasper Bruneau, al jasper Willow Creek, al jasper Blue Mountain e al jasper Morrisonite. Cosa rende Imperial Jasper così stimato? Dai un'occhiata alle vivaci tonalità verde acqua, viola e oro che schizzano sulle pietre come un acquerello e te ne innamorerai. Quasi tutti i diaspri imperiali provengono da depositi incastonati in un ripido canyon a San Cristobal, una piccola città del Messico vicino a Guadalajara. La fitta vegetazione e la località della regione sono il terreno fertile per i pregiati diaspri imperiali. Questi esemplari impressionanti sono unici per sé stessi, riccamente saturi di pennellate di tonalità pastello o elettriche e accenti colorati, che li fanno sembrare un dipinto.

Diaspro Rosso (Red Jasper)

Il rosso è una varietà microcristallina di quarzo con cristalli grandi e granulosi al posto degli strati fibrosi mostrati dall'agata o dal calcedonio. È opaco, si presenta come otturazioni nelle fessure o come noduli ed è ampiamente diffuso in tutto il mondo. È pigmentato grazie al processo di ossido di ferro, che gli conferisce la sua ricca colorazione rossa.

Diaspro Red Creek (Red Creek Jasper)

Il jasper del torrente rosso, chiamato anche di Cherry Creek, è unapietra colorata scoperta nella Cina continentale nel 2010. I minatori stavano cercando il turchese quando hanno trovato questa bella pietra rossa, verde, gialla, blu-grigia e nera. Come il turchese,questa pietra deve essere stabilizzata per essere tagliata e lucidata. Sebbene questo minerale del torrente sia stato sul mercato solo da poco tempo, è diventato immensamente popolare. Questo straordinario minerale viene estratto in Cina e prende il nome dal torrente che scorre nell'area in cui è stato trovato per la prima volta. Questa pietra combina sfumature tenui di giallo senape, verde oliva e rosso bruciato in motivi che ricordano un tramonto mozzafiato. Le perle di diaspro Red Creek mostrano splendide combinazioni di verde chiaro, rosso e salvia. Ha incredibili motivi brecciati che ricordano un dipinto di paesaggio astratto.

Diaspro Unakite (Unakite Jasper)

L'Unakite prende il nome delle montagne Unaka della Carolina del Nord, dove è stato scoperto per la prima volta e esiste in varie tonalità di verde e rosa e di solito ha un aspetto screziato.

Diaspro Giallo (Yellow Jasper)

Il giallo è una combinazione di calcedonio e quarzo. È una varietà di silice impura con superficie liscia e trasparenza opaca. Ha diverse sfumature di giallo che vanno dal giallo brillante al marrone senape. Il colore giallo senape, brunito e sabbia del diaspro giallo è dovuto all'alto contenuto di ferro nella pietra. Questo diaspro può essere trovato in Russia, India, Venezuela, Australia, Brasile, Uruguay e Stati Uniti.

Diaspro Kona (Kona Jasper)

Prende il nome dalle colline di Kona a sud della contea di Marquette, nel Michigan, dove si trova. Il Kona è un'antica roccia in cui si trovano formazioni di stromatolite fossile (alghe blu-verdi). La pietra ha un'età compresa tra 2,1 e 2,2 miliardi di anni. Queste formazioni di stromatolite provengono da alcune delle prime forme di vita sulla terra. Queste formazioni fossili si trovano nelle ere inferiori del Medio Precambriano. A causa della grande età e dei numerosi oligominerali presenti, la kona può essere trovata in un'ampia varietà di sfumature tra cui rosa, marrone, giallo, crema, rosso e arancione con sfumature di marrone, crema, grigio e screziato nero, fasciatura e allacciatura.

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pitere cristalli:  https://geology.com/

 

La shungite è un minerale ben noto in Russia. Per decenni, è stato ampiamente studiato dagli scienziati.

Tuttavia, solo di recente le informazioni su questo minerale unico hanno raggiunto la parte occidentale del mondo. Poiché le molecole di fullerene sono state scoperte dalla ricerca sulla questo minerale, sono diventate la base per il rapido sviluppo delle nanotecnologie. Nel frattempo in Russia è stata utilizzata con successo in vari settori come l'agricoltura, l'ecologia, la medicina o l'edilizia.

Non tutte le Shungite sono uguali

La shungite è disponibile in diversi gradi e qualità, in base al suo contenuto di carbonio. Più carbonio ha, più forti sono le sue qualità curative. Anche se esiste un solo luogo geografico in cui appare la vera Shungite, viene estratta in diverse frazioni e qualità.

Esistono tre diversi tipi di shungite (I, II e III) in base al contenuto di carbonio nella composizione delle pietre. Tutti e tre i tipi sono autentici e originali.

Tipo I – Shungite Elite o nobile

Il tipo elite contiene fino al 98% di carbonio organico. Ha una superficie argentata lucida con una lucentezza metallica. La Shungite elite è un materiale molto fragile e può rompersi facilmente in piccoli pezzi nelle tue mani. Mentre la shungite normale viene comunemente estratta in Carelia, i depositi di elite sono rari.

Tipo II - Shungite Petrovsky

Il tipo “Petrovsky” contiene fino al 75% di carbonio. Ha una tinta argentata e lucida e il suo prezzo è generalmente molto più alto della normale Shungite, poiché viene estratta manualmente. Questo tipo di minerale non è così fragile come la Shungite d'élite e può essere facilmente modellato o lucidato.

Tipo III - Shungite normale o grezza

Il tipo normale contiene il 30-50% di carbonio organico con un colore scuro intenso. Quando viene spazzolato ha un colore nero opaco con una sfumatura grigia. Può essere lucidato o facilmente modellato in prodotti come piramidi o ciondoli. La shungite grezza è la migliore per rendere l'acqua di shungite adatta al consumo quotidiano, poiché fornisce un'acqua bilanciata in modo ottimale senza odori o sapori.

Il Tipo 1 e 3 sono molto fragili, e si spaccano facilmente, quindi non è possibile effettuare lavorazioni di tipo meccanico. Sfere, Piramidi, Cubi, ciondoli, vengono realizzati con quella di tipo 2.

shunghite

Come verificare se la shungite è vera

La vera offre incredibili benefici per la tua salute. Pertanto, è fondamentale poter distinguere le pietre autentiche da quelle false per evitare di danneggiare la salute. Ci sono fondamentalmente 2 modi per sapere se la tua pietra è reale:

1 - Controllo visivo

Il colore nero intenso è il primo segno distintivo della vera Shungite. Ha spesso infusi di colori marroni, grigi o dorati. Si tratta di tracce di altri minerali come la pirite, che si trovano nello stesso strato con la Shungite. Quindi, se noti stringhe di questi strati di colore nelle tue pietre di shungite, è una caratteristica comune dell'autentico minerale di shungite. A causa dell'alto contenuto di carbonio, le pietre di shungite possono lasciare tracce nere sulla pelle e sui vestiti. La colorazione è una proprietà naturale del minerale e può quindi essere un ulteriore segno di autenticità.

2 - Conduttibilità

Un altro modo per verificare l'autenticità della pietra è testarne la conduttività elettrica. In effetti, questa roccia è uno dei pochi minerali naturali che ha la capacità di condurre corrente elettrica. Prendere un tester multimetro e posizionarlo in Ohome (Resistenza) e appoggiare entrambi i puntoni "Positivo" (Rosso) e "Negativo"(Nero) sulla pietra, se la lancetta del tester si muove portandosi a metà scala o fondo scale ciò indica che la pietra è originale in quanto si ha la certezza che conduce l’elettricità. Altro metodo, un po’ più complicato, è sufficiente avere una normale batteria, una luce proveniente da una torcia e due fili. Collegare la lampadina e la batteria in serie, toccare con due fili qualsiasi prodotto di shungite: la lampadina dovrebbe accendersi. In caso contrario, hai acquistato un falso. Oppure c'è un rapido test che puoi fare utilizzando un telefono cellulare o un tablet. Basta mettere la shungite, preferibilmente una parte piatta e liscia, a contatto delicatamente sullo schermo per vedere se può aprire le schede o usarla per digitare la password. Se lo fa allora è shungite in quanto trasmette la conduttività della nostra mano.

Protezione dalle onde elettromagnetiche

Tutti gli apparecchi elettronici tipo computer, televisori, telefoni, tablet,  forni a microonde, forni elettrici creano alterazioni al normale campo magnetico che ci circonda. La shungite offre una difesa naturale da queste alterazioni e in generale il raggio d’azione della shungite dipende dalla dimensione e forma del minerale.

Per proteggere gli ambienti le forme più utilizzate sono le piramidi, i cubi e le sfere.

Il cubo, per la sua forma, è strettamente legato alla terra e al suolo: è la forma più stabile. Per questo motivo la sua azione protettiva si esalta stando al suolo. Si consiglia di utilizzarlo agli angoli di finestre, letti, e tavoli: in tal modo si esalta la sua azione protettiva "a scatola".
La sfera svolge una protezione a bolla, pertanto dovrebbe essere utilizzata negli ambienti dove stiamo più spesso, come il luogo di lavoro, o il soggiorno. Essa trasforma le energie in modo più blando rispetto alla piramide, ma il suo raggio d'influenza è maggiore. Infatti viene utilizzata anche per armonizzare  e far circolare l'energia  di un luogo, aumentando la concentrazione delle persone ed eliminando la stanchezza.
Infine la piramide svolge una protezione a pioggia, per questo motivo si consiglia di porla in alto: capta le onde elettromagnetiche, ne assorbe le informazioni nocive, e poi le neutralizza purificando l'ambiente. Si consiglia di appoggiarla su una superficie piana, orientando una delle facce verso il nord magnetico, in particolare sopra radio, televisori, sistemi hi-fi e PC, ma anche su telefoni cordless, contatori e quadri elettrici.

Questo ovviamente è solo una guida generale...ogni forma infatti può essere utilizzata come uno meglio crede anche a seconda dei suoi gusti personali.

In linea di massima per le piramidi e sfere, sia lucide che opache, si calcola così il raggio di efficacia della pietra:

Piramide cm 3 - metri 1,5                     Sfera  cm  3 -   metri   2,5

Piramide cm 5 - metri 3                        Sfera  cm  5 -  metri   3,5

Piramide cm 6 - metri 4                        Sfera  cm  6 -  metri   5

Piramide cm 7 - metri 5                        Sfera  cm  7 -  metri   6,5

Piramide cm 9 - metri 8                        Sfera  cm  9 -  metri   12

Piramide cm 10 - metri 10                   Sfera  cm  10 -  metri   16

Piramide cm 15 - metri 17                   Sfera  cm 15 -  metri   25

Shunghite

Leggete anche l'articolo: La Shungite: origine e proprietà della pietra russa

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pitere cristalli:  https://geology.com/

 

Elenco Completo dei Minerali e Cristalli.

Fare un elenco completo dei minerali e dei cristalli che possono esistere in natura non è compito facile ed esaustivo per cui, se ne avessimo dimenticato qualcuno, siete pregati di farcelo notare e provvederemo ad aggiornare l’elenco. A questo proposito è possibile che alcuni minerali vengano listati più volte semplicemente dovuto al fatto che a volte vengono listati e conosciuti con diversi nomi pur essendo lo stesso minerale. La maggior parte li trovati sul nostro sito e cliccandoli, sarete direttamente portati alla relativa scheda di approfondimento. Nota bene che esistono molte altre varianti dello stesso minerale in base al suo colore o caratteristica che qui in questo elenco non abbiamo riportato se no l'elenco diventava veramente troppo lungo;
Buon divertimento.

 

A    Elenco Completo dei Minerali e Cristalli

Abalone (Madreperla), Acquamarina, Actinolite, Adularia, Aegirina (Egirina), Agata, Agata Botswana, Agata Muschiata, Alabastro, Alessandrite, Amazzonite, Ambra, Ametista, Ametrino (Quarzo), Ammonite, Ammolite, Andalusite, Angelite (Anidrite), Antimonite, Apatite, Apofillite, Aragonite, Astrofillite, Avventurina, Azzurrite, Arsenopirite, Augite, Alite, Anyolite (Ruby zoisite), Azzurromalachite

Elenco dei Minerali Acquamarina

B    Elenco Completo dei Minerali e Cristalli

Barite, Berillo (Aquamarina, Smeraldo, Berillo verde, Eliodoro, Morganite, Berillo rosso, Goshenite sono tuti varietà di berillo), Berillio, Biotite, Blenda, Boji Stones (Pop Rock), Bornite, Bronzite, Brasilianite, Bustamite, Bauxite, Benitoite, Bloodstone

C    Elenco Completo dei Minerali e Cristalli

Cacoxenite, Calcedonio, Calcite, Calcite arancio, Calcite Blu, Calcite gialla, Calcite rosa, Calcite rossa, Calcite verde, Calcopirite, Cassiterite, Cavansite, Celestina, Charoite (Ciaroite), Chiastolite, Cianite, Citrino, Cobalto, Calcite, Cordierite, Corallo, Corniola, Crisoberillo, Crisocolla, Crisoprasio, Crisoprasio Limone, Cristallo di Rocca, Cromo-Diopside, Clorite, Cromite, Cinabrio, Clinozoisite, Corindone, Corallo fossilizzato.

Elenco dei Minerali Chiastolite

D    Elenco Completo dei Minerali e Cristalli

Danburite, Diamante, Diamante di Herkimer, Diaspro, Diaspro dalmata, Diaspro Orbicolare, Diaspro Oceanico, Diaspro rosso, Diaspro verde, Diaspro bombo, Diaspro brecciato, Diaspro Klawing, Diaspro maligano, Diaspro kambaba, Diaspro leopardo, Diaspro australiano, Diaspro noreena, Diaspro owyhee, Diaspro policromo, Diaspro fantasia, Diaspro pelle di serpente, Diaspro Willow creek, Diaspro zebra, Diaspro nido di ragno, Diaspro dalmata, Diaspro dendritico, Diaspro biggs, Diaspro sonora sunset, Diopside, Dioptasio (Pietra di Venere), Distene blu, Dolomite, Dumortierite.

E    Elenco Completo dei Minerali e Cristalli

Eliodoro, Eliotropio, Ematite, Emimorfite (Calamina), Epidoto, Eudialite, Euclasio

F    Elenco Completo dei Minerali e Cristalli

Ferro Tigrato, Flogopite, Fluorite, Fossile di Corallo, Fuchsite, Eldspato

Elenco dei Minerali Ferro Tigrato

Ferro Tigrato

G    Elenco Completo dei Minerali e Cristalli

Gagate, Galena, Giaietto, Gaspeite, Gesso, Giada Giadeite, Giada Nefrite, Granato, Granato Uvarovite, Granato Almandino, Granato Demantoide, Granato Grossularia, Granito, Granito K2, Grafite, Goldstone (pietra del sole), Goshenite (berillo)

H - J - I - K

Herkimer, Hiddenite (Spodumene), Howlite, Halite, Helenite, Jadeite,  Iolite (Cordierite), Ilmenite, Idocrasio (vesuvianite), Kimberlite, Kunzite, K2, Kianite

L

Lacrima Apache, Labradorite, Lapislazzuli, Larimar (Pectolite blu), Lava dell’Etna, Lazulite, Legno Fossile, Lepidolite, Limonite

Elenco dei Minerali Labradorite

M

Madreperla, Madrepora, Magnesite, Magnetite, Malachite, Mangano Calcite, Marcassite, Marmo, Meteorite, Martite, Mookaite (Diaspro), Moldavite (Tectiti), Moqui Marbles, Morganite, Muscovite, Molibdenite, Monazite, Legno di arachidi (peanut Wood)

N

Natrolite (Zeoliti), New Jade, Nefrite

O

Occhio di Bue, Occhio di Falco, Occhio di Gatto, Occhio di Tigre, Olivina, Onice, Oolite, Opale, Opale Andino, Opale Boulder, Opale di Fuoco, Opalite (Tiffany Stone), Opale Rosa, Opale verde, Orneblenda, Orpimento, Ortoclasio, Ossidiana, Ossidiana fiocco di neve, Ossidiana nobile, Ossidiana arcobaleno

P

Pallasite (Meteorite), Pectolite, Pelle di Leopardo, Peridoto, Perla, Petalite, Pietersite, Pietra di Luna, Pietra di Sole, Porfirite, Pietra Paesina, Pirite, Prasio, Prasiolite, Prehnite, Psilomelano, Purpurite, Flogopite, Plagioclasio, Pirosseno, Pirrotite, Palma fossilizzata

Q

Quarzo Ametrino, Quarzo Cattedrale, Quarzo Citrino, Quarzo Ematoide, Quarzo Fumé, Quarzo Ialino, Quarzo Lemon, Quarzo Madera, Quarzo Morione, Quarzo Rosa, Quarzo Rutilato, Quarzo Scheletro, Quarzo Tormalinato, Quarzo Lodolite, Quarzo cactus, Quarzo spirito

R

Radice di Smeraldo, Riolite, Rodocrosite, Rodolite (Granato), Rosa del Deserto, Rodonite, Rubino, Rubino distene, Rubino zoisite, Rubino fuchsite, Realgar, Rutile

S

Salgemma, Sardonica, Scapolite, Septaria, Selenite, Serafinite, Serpentino, Sfalerite, Shiva Lingam, Siderite, Sillimanite, Smeraldo, Smithsonite, Sodalite, Spectrolite (Labradorite), Spessartina (Granato), Spinello, Staurolite, Steatite, Stilbite, Stromatolite, Sugilite (Luvulite), Spodumene

T

Tanzanite, Tectite, Titanite, Topazio, Topazio Imperiale, Tormalina, Tormalina nera, Tormalina verde, Tormalina anguria, Tulite, Tsavorite (Granato verde), Turchese blu, Turchese verde, Turchese pink dahlia, Talco

U - V - W - Z

Ulexite, Unakite, Uvarovite, Uraninite, Vanadinite, Variscite, Verdite, Vesuvianite, Vivianite, Wardite, Wulfenite, Zaffiro, Zircone, Zoisite, Zolfo

Volete approfondire le vostre conoscenze sulle pitere cristalli:  https://geology.com/

 

 

 

Quando parliamo di foreste pietrificate  ci vengono alla mente immediatamente i vasti paesaggi americani  con la “petrified forest”.

Oppure pensiamo  al parco nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti. Effettivamente questi due luoghi conservano alcuni degli esemplari, sia per numero che per qualità, più belli e conosciuti al mondo ma tali reperti esistono e si possono trovare ovunque, basta avere l’occhio critico ed allenato.

Foreste pietrificate     foreste pietrificate

Cominciamo il nostro viaggio con la più famosa delle foreste pietrificate del mondo, la “petried forest national park” in Arizona.  Il Parco Nazionale della Foresta Pietrificata, vicino alla città di Holbrook, in Arizona, ha legno pietrificato risalente a milioni di anni nel passato. Durante il Triassico (200 - 250 milioni di anni fa) l'area dell'altopiano del Colorado nell'Arizona nord-orientale era situata vicino all'equatore e sul confine sud-occidentale della massa continentale nota come "Pangea". (Alla fine questo supercontinente si separò per creare i nostri continenti attuali.) Questa posizione tropicale ha prodotto un clima e un ambiente molto diversi da quelli odierni. Prove fossili di questa antica terra si trovano nei sedimenti chiamati Formazione Chinle che ora è esposta nel Parco Nazionale della Foresta Pietrificata.

Foreste pietrificate

Nel corso del tempo, gli alberi sono morti o forse sono stati rovesciati dalle inondazioni o dal vento. I fiumi portavano gli alberi nelle pianure, rompendo rami, cortecce e piccole radici lungo il percorso. Alcuni alberi sono stati depositati nella pianura alluvionale adiacente ai fiumi e altri sono stati sepolti nei canali del torrente. La maggior parte degli alberi si è decomposta ed è scomparsa. Ma alcuni alberi furono pietrificati, diventando i bellissimi tronchi fossilizzati che vediamo oggi. La maggior parte dei tronchi fossili proviene da un albero chiamato Araucarioxylon arizonicum. Altri due, Woodworthia e Schilderia, si trovano in piccole quantità nella parte settentrionale del parco. Tutte e 3 le specie sono ora estinte.

foreste pietrificate

Per quanto riguarda il parco di Yellowstone a fossilizzazione è molto estesa, ed è anche possibile contare gli anelli di crescita e osservare i dettagli microscopici della struttura cellulare degli alberi. I geologi hanno messo insieme un'intera foresta contenente oltre 100 diversi tipi di vegetazione. Gli alberi più diffusi scoperti sono: noci, magnolie, aceri, querce, sequoie, cornioli e pini. Da ciò è chiaro che Yellowstone 50 milioni di anni fa aveva un clima drasticamente diverso, probabilmente situato a non più di poche centinaia di metri sul livello del mare e ricevendo 20-30 centimetri di pioggia ogni anno. Pertanto, le foreste fossili di Yellowstone forniscono ai geologi una "finestra sul passato" che non può essere eguagliata in nessuna parte del mondo!

Un altro fattore che rende unica la foresta fossile di Yellowstone è che molti degli esemplari sono ancora in piedi in posizione eretta con le loro radici incastonate nel terreno proprio dove sono cresciute milioni di anni fa. Ciò si verifica raramente in altre foreste pietrificate.

Foreste pietrificate in Patagonia

Nel paesaggio della provincia di Chubut, nel sud dell’Argentina, ci sono strani monumenti di pietra alla vita che prosperarono fino a 65 milioni di anni fa. La provincia ospita una strana “foresta pietrificata di sarmiento”, dove la vita è diventata pietra. In luoghi come questi, le rocce piene di fossili sono esposte sulla superficie, rivelando la storia della vita sul pianeta Terra.

La pietrificazione è quando la materia organica di un animale o di una pianta viene sostituita da minerali e alla fine “si trasforma in pietra” grazie all’assenza di ossigeno. A Chubut ci sono dinosauri unici, mammiferi fossili, piante, fiori e frutti di “quasi tutti i tempi geologici”.

patagonia 1

Qui c’erano conifere molto alte e alberi in fiore” che vivevano lungo i fiumi vicino alla costa sud atlantica circa 65 milioni di anni fa “non molto tempo dopo l’estinzione degli ultimi dinosauri” – tutto questo è sparso in tutto il mondo.  Ma questi alberi non sono cresciuti qui. Sono stati trasportati dall’acqua quando le rive dei fiumi su cui vivevano si sono erose durante le tempeste, finendo in estuari sabbiosi dove sono state sepolte da strati di sedimenti. Nel tempo, la silice disciolta ha sostituito i materiali organici negli alberi. E l’aumento della temperatura e della pressione hanno trasformato gli alberi in roccia. Pertanto, il Parco nazionale della foresta pietrificata di Ormachea non è una delle “foreste pietrificate” nel vero senso della parola, perché i suoi alberi non sono dove sarebbero cresciuti originariamente, ma qui sono stati trasportati dai fiumi. Questo straordinario sito è uno dei più importanti della paleobotanica: offre un raro scorcio di tempo subito dopo che i dinosauri furono sterminati nel tardo Cretaceo, dopo aver dominato la Terra per 165 milioni di anni.

Foreste pietrificate in Europa

Si trova in Europa ed è una delle foreste pietrificate più spettacolari del pianeta perché i tronchi degli alberi, trasformati in dura roccia, sono gran parte in piedi! Per visitarla dovete recarvi in Bulgaria, ed esattamente a circa 18 km nell’entroterra di Varna, poco distante dalla capitale di Sofia. La foresta si chiama Pobiti Kamani.

Foreste pietrificate

La cosa curiosa, e misteriosa, è che non è nemmeno sicuro che si tratti di una vera a propria foresta pietrificata! I ''tronchi'', o colonne, sono conficcate nel terreno fino ad una profondità di quasi 10 metri e hanno diametri che variano dai 30 cm. ai 3 metri. Inoltre sono cave all'interno e riempite di sabbia...
Anche la disposizione non sembra casuale e, secondo alcune teorie, si tratterebbe delle colonne di un antico e misterioso tempio. Alcuni scienziati, però, ritengono si tratti di formazioni naturali di natura corallina mentre altri propendono per un'anomala e curiosa crescita minerale. I nativi continuano però a chiamarla foresta pietrificata anche se il suo nome ''Pobiti Kamani'' significa letteralmente ''Pietra piantata per terra''.

Foreste pietrificate in Italia

La Foresta Fossile di Dunarobba fu rinvenuta negli anni '70, durante gli scavi effettuati nelle cave di argilla che rifornivano una fabbrica di laterizi, e visitabile con guida specializzata partendo dall'adiacente Centro di Paleontologia Vegetale realizzato negli anni '90 per finalità scientifiche, la Foresta è costituita da circa 50 enormi tronchi di conifere spezzati a 5-10 m di altezza ricoperti da sedimenti argillosi che hanno mantenuto la struttura lignea originaria e sono ancora piantati in posizione eretta nel terreno.

dunarobba 1

A Dunarobba si possono vedere i resti dei circa cinquanta tronchi di gigantesche conifere che sono una rara testimonianza di alcune dele specie di alberi che caratterizzavano questo settore dell'italia nell’arco di tempo compreso fra i 3 e i 2 milioni di anni fa, cioè nel periodo geologico noto come Pliocene.

Ancora in gran parte sepolta dal sedimento, questa antica foresta indica condizioni ambientali sostanzialmente diverse da quelle attuali, caratterizzate anche da un clima sensibilmente più caldo.

dunarobba 2

Questa caratteristica ha consentito di studiare il terreno originario sul quale si trovano le piante situato circa a 30 m di profondità, e di stabilire che la foresta si estendeva ad uno specchio lacustre tra i Monti Amerini, detto Lago Tiberino, in un territorio dal clima caldo-umido in cui abitano Mammuth e altri grandi mammiferi. Il Centro di Paleontologia Vegetale oltre ad elaborare proposte didattiche per le scuole, offre accoglienza ed informazioni ai visitatori, ed ospita la ricostruzione illustrata dell'antica foresta e della fauna che la popolava con una serie di reperti paleontologici di antichi mammiferi rinvenuti nelle vicinanze.

Volete vedere le nostre offerte in legno pietrificato? Cliccate qui!

Il Larimar, noto anche come Pietra di Atlantide, Stefilia's Stone  o Dolphin Stone, è un silicato di calcio di sodio estremamente raro e membro della famiglia delle pectoliti. La pectolite si trova in tutto il mondo, ma solo nei tonilarimar del grigio e del bianco. È interessante osservare come nessun esemplare di Larimar abbia la medesima colorazione sui toni del blu e dell’azzurro. Questi suoi colori e gradazioni, diversi da quelli di altri pectoliti, sono il risultato della sostituzione del cobalto con il calcio.

La classificazione della qualità di un pezzo di Larimar dipende soprattutto dalla colorazione e dalla tipica configurazione dei cristalli minerali presenti nella pietra. Ad esempio, a seconda della presenza di altri minerali e/o ossidazioni questa gemma è disponibile anche in verde o con macchie rosse, marroni, ecc…Ma ovviamente, più intenso è il colore blu e il contrasto nella pietra, più alta e rara è la sua qualità. Ricordiamo che il colore blu è fotosensibile e sbiadisce con il tempo se esposto a troppa luce e calore.

 

Il Larimar è stato in grado di formarsi nelle cavità della roccia basaltica durante l'intensa attività vulcanica avvenuta nel corso dei secoli. Mentre la lava scorreva, questo flusso costante iniziò a raccogliere tutti i minerali sul suo percorso e a spostarli, fino ad inondare cavità e dighe e creare la bellissima pietra che oggi conosciamo anche come Pietra di Atlantide.

Esiste un’unica località in cui il Larimar viene estratto e in cui può essere rinvenuto ed è nella Repubblica Dominicana, più specificamente, nelle montagne sopra Baoruco. Non a caso, viene comunemente chiamata anche la "Pietra dei Caraibi" a causa della sua forte presenza anche su tutte le isole circostanti.

Perché il Larimar è conosciuto come la Pietra di Atlantide?

Come anticipato nelle righe precedenti, il Larimar è anche noto come la Pietra di Atlantide, perché un maestro spirituale che visse a Trinidad e Tobago, fondatore di molti centri Yoga in tutto il mondo, sosteneva che alcune isole dei Caraibi, inclusa la Repubblica Dominicana, facessero parte del continente perduto di Atlantide.

Il primo tentativo di usare il Larimar risale a quasi 100 anni fa, nel novembre 1916, ma non ebbe successo prima ancora di iniziare in quanto, il Ministero delle Miniere, responsabile di tutte le spedizioni sull'isola, rifiutò di concedere il permesso a un uomo di nome padre Miguel Domingo Fuertes Loren di accedere a una presunta miniera contenente una pietra molto insolita. Questo minerale continuerà a non essere riconosciuto fino al 1974, quando Miguel Mendez e Norman Rilling trovarono pezzi di Larimar sulla spiaggia ai piedi dei monti Baoruco (Repubblica Dominicana). Credendo che fosse una pietra completamente nuova scelsero il nome "Larimar", poichè figlia del primo si chiamava Larissa e "mar" in spagnolo significa "mare".

Dopo molte ricerche ed esplorazioni, si scoprì che questa pietra proveniva dalle montagne soprastanti e veniva portata verso l'oceano dalle correnti dei torrenti. Questo diede origine alla miniera di Los Chupaderos, la più importante ancora oggi utilizzata. Attualmente questa miniera ha oltre 2.000 pozzi verticali funzionanti ed è l'unico modo in cui i ricercatori e collezionisti di minerali hanno una possibilità di estrarre questo affascinante e unico cristallo.

Larimar: proprietà magiche e cristalloterapia

Innanzitutto, vediamo perché il Larimar è considerato una pietra della proprietà magiche e quali sono.

È bene sottolineare che la Pietra di Atlantide è uno strumento perfetto per chiunque si trovi a lottare con il controllo delle emozioni e comunicare come ci si sente veramente dentro. I guaritori, infatti, possono usare questa pietra nei layout di uno qualsiasi dei 7 chakra, dal chakra del cuore in su, ma è più efficace nei chakra della gola e del cuore. Per tutte queste ragioni si è spesso pensato che il Larimar fosse una pietra dalle proprietà magiche, con potenti connessioni con il mondo dell’aldilà.

Si parla del Larimar come una pietra dalle proprietà magiche in quanto, se utilizzato durante le sedute di cristalloterapia, attiva e sblocca il nostro chakra della gola e ci costringe ad aprirci alle persone care intorno a noi e a discutere dei problemi con cui si può avere a che fare. Questo minerale ci aiuterà a mantenere la mente in uno stato di calma e consentirà alle vere emozioni del cuore di emergere.

Quando si è in grado di parlare delle difficoltà che si stanno affrontando, ci si rende presto conto che la soluzione è più vicina di quanto si possa pensare. Permettere semplicemente di ascoltare quello che si ha da dire aiuterà a capire meglio se stessi e le proprie esigenze.

 

Larimar: proprietà magiche e significato

Alle proprietà magiche del Larimar menzionate nei paragrafi precedenti (come il controllo delle emozioni e la comunicazione profonda di se stessi), si uniscono anche le sue proprietà metafisiche e spirituali ad esempio favorire serenità, armonizzare l’anima e allontanare sentimenti negativi tra cui il vittimismo. Proprio per questo ci sentiamo di consigliare questa gemma a chi è particolarmente negativo.

Essendo connessa al chakra della gola, questa pietra aiuta chi soffre di problemi o patologie alla gola e di blocchi e fastidi alla cervicale.

In generale, quindi, il Larimar è ottimo per chiunque abbia subito un trauma nella propria vita, ma che non sembra riuscire a dimenticarlo e lasciarselo alle spalle, mitigando le proprie emozioni e fornendo lo spazio necessario per far fronte a questi problemi. Il trauma si rifiuta di lasciarci a meno che non decidiamo che è il momento di andare avanti.

Il Larimar, in particolare nella versione classica blu, è una delle pietre naturali dei nati in primavera (19 febbraio - 19 marzo) e questa pietra, di colore turchese, porta alla scoperta e all’equilibrio. Le sue vibrazioni aiutano a ritrovare se stessi e a tornare all'equilibrio con la vita.

 

La Pietra di Atlantide ha, quindi, una vibrazione distinta che aiuta a comunicare con chiarezza e, grazie alla sua energia basata sul cuore, aiuta a parlare delle proprie emozioni. Contribuisce a dissolvere le barriere emotive e a rilasciare le emozioni negative memorizzate come pensieri di rabbia, dolore ricordato e altre emozioni dannose che non avvantaggiano la propria ripresa morale. Il Larimar, infine, ha una forte energia femminile armoniosa e suscita sentimenti di natura spirituale.

Quali gioielli in Larimar acquistare?

Facendo una breve ricerca sul web vedrai che esistono innumerevoli gioielli in Larimar, dai pendenti, ai bracciali, alle collane e orecchini. Se sei una persona particolarmente negativa, se stai affrontando un periodo difficile o se hai bisogno di ascoltarti e controllare le tue emozioni, ti consigliamo di indossare un pendente in Larimar intorno al collo per farlo rimanere il più vicino possibile al chakra della gola con il quale la Pietra di Atlantide è particolarmente connessa. Questo aiuterà nell'attivazione del chakra, così come a rimuovere qualsiasi ansia che si è depositata nel tuo petto.

Sebbene il Larimar non sia una pietra portafortuna tradizionale o una pietra dello zodiaco, è considerata a tutti gli effetti una "pietra portafortuna naturale"!

Scegli la tua pietra portafortuna in Larimar nel nostro shop online, clicca qui.

 

Vi siete mai chiesti quali sono le pietre portafortuna dei segni zodiacali?

Nella cultura astrologica, gli elementi come acqua, fuoco, aria e terra sono fondamentali per distinguere le caratteristiche di ogni segno e le personalità dei soggetti. La connessione con la Terra è molto forte e si può evidenziare anche dal fatto che sono riconosciute una serie di pietre dure collegate a uno o più segni zodiacali. Vengono anche definite “portafortuna” dato che si suppone che indossarle o mantenerle vicino al proprio corpo permetta di canalizzare le energie astrali e quindi proteggere l’individuo che le indossa e aiutarlo nella vita di tutti i giorni.

Scopri le pietre portafortuna dei segni zodiacali

Pietre portafortuna Acquario

Come segno d’aria siete forti nelle decisioni, ma anche spesso dei grandi sognatori. La pietra portafortuna è il Granato per coloro che sono nati a gennaio e l’Ametista per il mese di febbraio. In particolare, quest’ultima viene considerata molto importante per mantenere il vostro equilibrio interiore e istaurare rapporti trasparenti con le persone che vi sono attorno. Potete indossare anche l’Opale che vi aiuterà a prendere le scelte migliori e l’Ematite, molto utile per rimanere connessi alla realtà.

Pietre portafortuna Pesci

La vostra capacità di intuizione e la sensibilità che vi caratterizza, vi porta spesso ad essere facilmente soggetti alla volubilità delle persone. Le vostre pietre portafortuna vi aiutano a essere forti e indipendenti dalle decisioni degli altri, come l’Eliotropio, e l’Opale, definita anche la pietra del cuore. Inoltre, come pietra di nascita indossare un’ Acquamarina vi aiuterà ad avere una maggiore chiarezza interiore e osservare il mondo circostante con maggiore obiettività.

Pietre portafortuna Ariete

Siete energici, vitali e a volte anche un po’ aggressivi, anche a causa dell’influenza di pianeti come Plutone e Marte. Inoltre, come segno di fuoco il vostro legame con questo elemento si evidenzia anche nelle pietre portafortuna come i Diamanti che vi permettono di avere una visione più chiara della realtà. Inoltre, per dare equilibrio al vostro segno può essere molto utile l’Ametista, dato che vi permette di acquisire una certa pazienza ed equilibrio per lo stato interiore. Sono collegate al vostro segno anche il Cristallo di Rocca, l’Ematite e il Rubino.

Pietre portafortuna Toro

Fedeltà, bontà, ma al contempo fermezza quando è necessario sono elementi che identificano il vostro segno e creano un legame con pietre come il Quarzo Rosa e i Lapislazzuli, che vi permettono da un alto di mantenere la massima calma e tranquillità, quando avete a che fare con le persone, ma di non limitare il vostro io interiore.  Vi identificate anche nello Zaffiro verde, dato che vi offrirà un aiuto a prendere le decisioni migliori, oltre a proteggervi.

Pietre portafortuna Gemelli

L’Agata e la Pietra di Luna sono legate alla vostra nascita, rafforzando la capacità di trovare sempre un equilibrio in ogni cosa, rimanendo solari e senza abbattervi. Invece, la vostra intelligenza e l’intuito saranno potenziati se indossate una Tormalina oppure il Citrino, vi aiuteranno a rimanere sembra di umore positivo. Infine, per mettere da parte i problemi e allontanare la negatività, potrete utilizzare la Crisocolla e il Cristallo di Rocca.

Pietre portafortuna Cancro

Il vostro segno subisce l’influenza dei pianeti come Venere e la Luna, rendendovi spesso dei sognatori, sempre attenti alle persone che vi sono intorno, ma anche facilmente irritabili. Le pietre che vi aiutano a canalizzare le energie e ad acquisire una maggiore saggezza sono le Perle e la Pietra di Luna. Inoltre, potrete contrastare le fasi che vi portano a isolarvi dal mondo indossando l’Eliotropo e i Diamanti.

Pietre portafortuna Leone

Rubino e Onice rispecchiano il vostro modo di essere, sempre pronti a offrire aiuto agli altri, con la capacità di diventare una guida per le persone. Spesso però essere un punto di riferimento prevede molto energia e per questo utilizzare un Topazio o l’Occhio di Tigre può aiutarvi a mantenere la mente lucida e a migliorare la vostra capacità di percezione della realtà.

Pietre portafortuna Vergine

Il vostro legame con Mercurio e Urano vi porta a essere persone precise e attente in ogni cosa che fate, cercando di raggiungere la perfezione, ma con la conseguenza di vivere il mondo con una certa ansia. Il Diamante vi aiuterà ad avere maggiore chiarezza, mentre l’Ametista può essere molto utile per mantenere la calma. Infine, potrete indossare anche una pietra di Magnesite e Morganite utile per infondere nuova energia.

Pietre portafortuna Bilancia

Siete dei grandi lavoratori e se indossate un Opale, avrete la possibilità di migliorare la vostra capacità di elaborare progetti e di risolvere le problematiche. Al contempo in una relazione apprezzate molto la fiducia e donate ogni parte del vostro essere: grazie alla pietra Peridoto e al Cristallo di Rocca potrete avere sempre la giusta chiarezza e trasparenza. Infine, il Topazio Verde e la pietra di Giada vi aiuteranno anche nell’ambito economico.

Pietre portafortuna Scorpione

L’Onice contribuirà a rafforzare la vostra razionalità, mantenendo una connessione stretta con ila parte più interno di voi stessi. Siete sempre riservati e questo porta molto spesso le persone a considerarvi freddi e distaccati, ma grazie al Granato, che stimolerà passione e l’istintività potrete dimostrare tutto il vostro essere. Sono di aiuto anche le Perle Nere e il Topazio Imperiale che avranno effetto sul vostro equilibrio emotivo infondendovi calma e tranquillità.

Pietre portafortuna Sagittario

Il fuoco è l’elemento che vi anima, rafforzato dai pianeti come Giove e Nettuno che vi permettono di essere sempre pieni di energia e trasparenti con le persone. Siete spesso troppo disponibili con chi volete bene, con la conseguenza di avere delle delusioni. Indossare un’Ametista potrà essere utile per offrire pine trasparenza alle persone, mentre il Topazio vi permetterà di mantenere la tranquillità in ogni vostra attività.

Prima di iniziare a vedere quali sono i minerali più rari al mondo, una breve parentesi sul perché siano ritenuti tali è più che doverosa. La mineralogia, la scienza che studia le caratteristiche fisiche e chimiche dei minerali, analizza anche altri aspetti della materia come la genesi, la trasformazione e l'utilizzo che viene fatto nel tempo di quel dato materiale.

Appare dunque evidente che più un minerale sarà facile da reperire e più il suo uso diventerà comune e il suo valore, di conseguenza, tenderà ad essere più basso. Nel caso opposto, invece, avremo dei materiali di difficile reperibilità e dunque con un valore di mercato e di studio ben più alto. Si tratta dei cosiddetti minerali rari, molto difficili da scovare e proprio per questo motivo anche complicati da catalogare.

Nel 2016 i ricercatori americani Robert Hazen e Jesse Ausubel decisero di superare la sfida della complessa catalogazione dei minerali rari, affidandosi,  come riportato nel loro On the Nature and Significance of Rarity in Mineralogy, ad un semplice concetto: un minerale può considerarsi raro quando questo è stato rintracciato in meno di cinque località del pianeta. Seguendo questo paradigma è stata stilata una lista di ben 2550 minerali definibili come rari.

 

I minerali più rari al mondo

Lo studio di Hazen e Ausubel ha evidenziato come ci siano molti minerali rari al mondo, la maggior parte dei quali sono stati catalogati dall'International Mineralogical Association. I minerali più rari al mondo, come già anticipato, sono quelli presenti in meno di cinque località del pianeta, ma spesso e volentieri questi sono stanziati in un solo punto del globo terrestre. C'è dunque un ulteriore classificazione che andrebbe fatta all'interno della lista dei minerali più rari al mondo, ma questa risulterebbe estremamente difficile da compilare. Vediamo allora alcuni dei minerali più rari al mondo che si trovano solo in ristrette zone della Terra.

Ichnusaite

L'ichnusaite è stata scoperta dagli studiosi solamente nel 2013 e si hanno sue tracce in un unico posto del mondo, a Punta de su Seinargiu, una località in provincia di Cagliari, in Sardegna (Italia). Una rarità tutta italiana dunque, scovata dallo stesso Hazen. Si tratta di molibdato idrato di torio che si sostanzia nella combinazione sotterranea di thorium radioattivo e molybdenum. È presente in piccolissime quantità, quasi microscopiche ed è estremamente fragile. Nel 2016, proprio a causa delle ragioni precedentemente esposte, la Mineralogical Society of America ha definito l'ichnusaite il primo in assoluto dei minerali più rari al mondo. 

Harmunite

Tra i minerali più rari del mondo figura poi senza dubbio l'harmunite. Si tratta di un cristallo ortorombico di colore nero che però sotto la luce polarizzata diventa grigio chiaro con dei riflessi interni rossi. Deve il suo nome alla località in cui è stato scoperto, ovvero nelle rocce di larnite vicino al Jebel Harmun, nel deserto della Giudea in Cisgiordania (Palestina). Anche in questo caso parliamo di un minerale presente solo in una zona specifica e ristretta del mondo.

Hatrurite

L'hatrurite, malgrado un nome e una provenienza che potrebbe farlo confondere con l'harmunite, è un altro minerale raro con caratteristiche ben diverse. Anzitutto è di più antica scoperta, risale al 1977 ed ha un colore a metà tra il bianco e il grigiastro. È presente in Israele ed è composto da elementi in realtà molto facili da reperire in natura, ovvero il calcio, il silicio e l'ossigeno, ma deve tutta la sua rarità al fatto che per formarsi devono essere raggiunti i 1250 gradi. Risulta, quindi, evidente come mai l'hatrurite venga classificata tra i minerali più rari al mondo.

Edoylerite

Tra la lista dei minerali più rari al mondo e allo stesso tempo più affascinanti del pianeta Terra figura poi l'edoylerite. Si tratta di un monoclinico che presenta colori accesi che variano dal giallo canarino al giallo aranciato.

La sua più grande particolarità è che è altamente sensibile alla luce, come anche metasideronatrite e sideronatrite, ed è proprio per questo che è molto difficile da trovare e soprattutto da "tenere", in quanto potrebbe anche sparire nel momento in cui lo si riesce a reperire. Questo minerale è stato scoperto per la prima volta nel 1987 in California ed è così chiamato in onore del collezionista di minerali specializzato in minerali di mercurio, Edward Henry Oyler, che per primo lo ha individuato.

Fingerite

Rarissima è poi anche la fingerite, una combinazione di rame e vanadio reperibile solo nelle fumarole del vulcano Izalco, in El Salvador (America Centrale). Una combinazione unica dunque, che risente del particolare contesto vulcanico nel quale è venuta a crearsi. Si tratta di un minerale esteticamente molto simile alla pirite e alla shungite, soprattutto grazie ai colori che variano dal grigio scuro al nero intenso. Così come detto precedente per l'edoylerite e la sua forte sensibilità alla luce, anche la fingerite ha un nemico dichiarato, ovvero la pioggia. In questo caso, è proprio a causa della località in cui è reperibile la fingerite e la sua sensibilità alla pioggia a renderla uno dei minerali più rari al mondo.

Amicite

Chiudiamo questa lista dei minerali più rari al mondo parlando dell'amicite. Spesso presente nella variante trasparente/bianca che caratterizza anche il quarzo, questa gemma molto delicata ed estremamente rara si mostra solo nel momento in cui si verificano delle date condizioni di temperatura e pressione. Si tratta di un silicato idrato di potassio, sodio e alluminio facente parte del gruppo delle zeoliti. Deve il suo nome a Giovan Battista Amici, fisico italiano inventore di alcuni elementi ottici del microscopio.

Chi ama i cristalli come noi sa bene come questi siano preziosi gioielli naturali che Madre Terra ci regala. Oltre ad essere incredibilmente affascinanti, soprattutto se si tiene conto che la loro struttura originaria non è soggetta in alcun modo a modifiche operate dall’uomo, i minerali possono essere una meravigliosa aggiunta al tuo spazio personale.

Ma lo sapevi che alcuni cristalli sono vere e proprie pietre energetiche? Ogni cristallo, come già sappiamo, ha il suo scopo simbolico e i suoi poteri metafisici, ma ve ne sono alcuni in grado di trasmettere energie benefiche per l’anima e il corpo. D’altronde, i cristalli sono da sempre noti per le loro funzioni terapeutiche e curative, soprattutto in cristalloterapia dove le vibrazioni ed energie da essi prodotte si rivelano utili alla cura di malesseri e disturbi specifici.

 

Se stai cercando un po’ tranquillità e comfort o una spinta di energia e potere, le pietre energetiche sono una soluzione meravigliosa alle tue preoccupazioni cosmiche (anche se non la soluzione unica).

Tuttavia, prima di sostituire il tuo caffè ristoratore della mattina con una bowl di pietre energetiche, chiariamo alcuni punti:

Stai tranquillo/a, ci sono tante pietre che scongiurano la letargia e aiutano a fornirti la spinta di energia di cui hai bisogno (forse anche senza quella dose extra di caffè della quale non riesci fare a meno). Quindi, la prossima volta che sei diretto/a a un incontro importante o desideri una carica emotiva o, ancora, vuoi difenderti dalle energie negative che ti circondano, considera l'aggiunta di una di queste pietre energetiche alla tua giornata.

Il significato delle pietre energetiche

Si dice che ogni cristallo abbia un effetto diverso sulla mente e sul corpo e che le vibrazioni dei cristalli derivino dal modo unico in cui i loro atomi e molecole si muovono e interagiscono tra loro. Pare, inoltre, che i cristalli emettano vibrazioni positive, edificanti, energizzanti e calmanti che aiutano a raggiungere uno stato mentale più rilassato e uno stato fisico potenziato.

I nostri corpi sono organismi dinamici ed elettromagnetici: abbiamo energia fisica, emotiva, mentale e spirituale che scorre attraverso di noi e l’utilizzo di pietre energetiche è un modo divertente e unico per aiutare a dirigere e influenzare quell'energia verso una maggiore salute (se usati con la giusta intenzione).

 

I nostri antenati hanno apprezzato i cristalli e le loro proprietà per secoli. L’uomo ha iniziato ad usare le pietre energetiche per scopi curativi già migliaia di anni fa: gli antichi Egizi usavano i cristalli per la guarigione e la protezione; i testi sacri indiani spiegano le proprietà curative specifiche delle varie pietre e come usarle per curare le malattie; la medicina cinese prevede spesso l'uso di cristalli e gli antichi Greci e Romani erano soliti portare con sé pietre energetiche per proteggersi in battaglia.

Anche se per adesso non esiste ricerca scientifica che sostenga l’utilizzo dei cristalli per curare malattie, le pietre energetiche potrebbero avere benefici mentali e fisici grazie al cosiddetto “effetto placebo”.

Ecco quali sono i cristalli più sono indicati per soddisfare il tuo bisogno di energia per l’anima e il corpo.

Quarzo

 

Il quarzo è incredibilmente versatile e amplifica l'energia di un qualsiasi altro cristallo che potresti avere in tuo possesso. Si tratta di una delle pietre energetiche più semplici da utilizzare, poiché è facile da programmare per riuscire ad ottenere la carica e l’energia di cui si ha bisogno.

Risuona con tutti i chakra, ma è particolarmente benefico sugli ultimi due superiori, il chakra della Corona e quello del Terzo Occhio.

Questo cristallo è fra i più abbondanti sulla crosta terrestre e viene comunemente chiamato “maestro guaritore”, perché è in grado di amplificare le energie e i pensieri, favorendo l’equilibrio interiore. Il quarzo trasparente può fornire concentrazione, incanalare l'energia di tutti gli altri cristalli, farti sentire più a tuo agio e aumentare il tuo vigore generale.

Conosciuto anche come la pietra dell'amore, il quarzo, in particolare nella sua varietà rosa, può aiutarti ad aprire il tuo cuore a tutti i tipi di romanticismo. Se lo tieni in corrispondenza del cuore puoi allinearlo con l'energia dell'amore, mentre tenendo questa pietra energetica in camera da letto migliorerai le tue relazioni sessuali.

Ametista

 

L'ametista è una pietra estremamente potente e difensiva che crea letteralmente un campo di energia protettiva intorno a te ogni volta che la usi. Se hai voglia di caffeina in più o il tuo umore è intriso di negatività e stanchezza, prova a posizionare un cristallo di ametista sul chakra del Terzo Occhio (vicino alla fronte) e sdraiati in uno stato meditativo, mentre permetti alla pietra di operare la sua “magia”.

In particolare, le proprietà curative dell’ametista sono collegate al tuo spazio mentale e lavorano per calmare i tuoi pensieri da preoccupazioni, stress o tensioni. Questa pietra aiuta a rimuovere qualsiasi distrazione mentale o disordine, in modo da poter schiarire la mente e trovare un po' di spazio per respirare.

L’ametista protegge dalle energie negative e attrae quelle positive, neutralizza le energie dell’ambiente e favorisce l’equilibrio e l’armonia interiori.

 

Labradorite

 

Considerata come la pietra della serendipità, la labradorite funziona per tutti i chakra, ma soprattutto per quelli della gola e del Terzo Occhio. Questa pietra protettiva aiuta a ridurre l'autocoscienza e proteggere l'aura dai tentativi di abbassare la nostra energia, tenendo lontani i cattivi desideri e la gelosia.

In questo modo, piuttosto che lavorare per aumentare la nostra fiducia, la labradorite impedisce alle energie negative esterne di ostacolare la fiducia che già abbiamo in noi. Ti consigliamo di usarla insieme ad altre pietre energetiche per prima potenziarti e poi mantenere quell'energia!

Moonstone - Pietra di luna

 

La Pietra di Luna aiuta a concentrare la nostra attenzione sui nuovi inizi, ispirandoci ad entrare in contatto con la nostra natura e le nostre emozioni più vere. La Moonstone è una pietra di crescita interiore e forza che lenisce l'instabilità emotiva e lo stress e stabilizza le emozioni, fornendo un sentimento generale di calma.

Questa pietra migliora l'intuizione, promuove l'ispirazione, il successo e la fortuna in amore e affari. Aiuta il cuore e il chakra sacrale ad essere aperti a nuove opportunità e possibilità.

La Pietra di Luna è un potente filtro che crea una barriera aiutandoci a concentrarci e ad amplificare i nostri sforzi per tenere gli elementi indesiderati fuori dalla nostra vita. La sua struttura cristallina gli conferisce forza in tutte le direzioni, permettendogli di contrastare gli attacchi che arrivano contemporaneamente da tutte le direzioni.

Tormalina nera

 

Questa pietra protettiva aiuta a bloccare l'energia negativa dall'entrare nel tuo spazio o avere un impatto sulla tua energia personale. Posiziona questo cristallo vicino alla porta di casa, sulla scrivania o nei quattro angoli di una stanza per proteggere il tuo ambiente dalle influenze negative creando uno scudo protettivo contro le onde elettromagnetiche.

Si pensa, infatti, che questa pietra energetica protegga dalle radiazioni emesse da cellulari, computer e altri apparecchi elettronici di cui oramai facciamo largo uso nel corso della nostra vita. Più in generale, come tutte le gemme nere, la Tormalina nera ha doti di protezione sia dalle influenze negative sia dall’invidia e la rabbia che le persone che ci circondano possono provare nei nostri confronti.

Legno pietrificato

 

Il legno pietrificato è un cristallo trasformatore, ciò significa che viene usato quando si cerca il modo di trasformare una parte della propria vita in uno stato più desiderabile.

Queste pietre energetiche, come il legno pietrificato, vengono utilizzate quando abbiamo bisogno di aiuto per trovare un nuovo percorso, un nuovo approccio o, in genere, per ottenere ciò che desideriamo, ma non possediamo ancora. Il legno pietrificato è un materiale molto potente e altamente raccomandato per gli sforzi di auto-miglioramento.

Quest’ultima pietra energetica è portatrice dell'energia terrestre; ecco, quindi, che migliora la vitalità, porta abbondanza e difende dalle energie negative, grazie alla saggezza accumulata in migliaia di anni.

Se hai mai seguito una lezione di yoga o meditazione, partecipato a una sessione di guarigione energetica come il reiki, o guardato video online su questi argomenti, hai senza dubbio sentito parlare dei chakra e del ruolo che svolgono nel flusso di energia nel tuo corpo. Tuttavia, ti sarai sicuramente chiesto cosa e quanti sono i chakra su cui lavorare durante la meditazione e non escludiamo che potresti anche aver imparato che è importante mantenerli aperti o sbloccati al fine di evitare situazioni di malessere a più livelli.

Pertanto, se ancora non conosci quanti sono i chakra e come influenzano il tuo benessere fisico ed emotivo, ti consigliamo di continuare questa tua lettura. In questo articolo daremo un'occhiata più da vicino ai chakra principali localizzati nel corpo umano. Ti aiuteremo anche a comprendere l'impatto che questi centri energetici possono avere sulla tua mente e sul tuo corpo, oltre a come mantenerli "aperti" per promuovere il benessere fisico, mentale ed emotivo.

 

Cosa sono e quanti sono i chakra?

In sanscrito, la parola "chakra" significa "disco" o "ruota" e si riferisce ai centri energetici individuati lungo il proprio corpo. Ciascuno di queste ruote o dischi di energia rotante corrisponde a determinati fasci nervosi e organichakra home principali. Per funzionare al meglio, i chakra devono rimanere aperti ed equilibrati. Se si bloccano, si rischia di provare sintomi fisici o emotivi legati a un particolare chakra.

Ma quindi: quanti sono i chakra? In generale, si contano 7 chakra principali che corrono lungo la colonna vertebrale. Partono dalla radice, o base, della colonna vertebrale e si estendono fino alla sommità del capo. Ciò nonostante, alcune persone credono che esistano almeno 114 chakra diversi nel corpo.

Ora che abbiamo definito quanti sono i chakra, vediamo nel dettaglio ognuno di questi.

Primo chakra - Chakra della Radice

Il primo chakra o chakra della radice (detto anche Muladhara), si trova alla base della colonna vertebrale. La sua funzione è quella di fornire un fondamento per la vita e di aiutare a sentirsi radicati e in grado di resistere alle sfide. Il chakra della radice è responsabile del proprio senso di sicurezza e stabilità. Le conseguenze del cattivo funzionamento del chakra sono la timidezza, i sensi di colpa, il disagio, la paura ad affrontare la vita, la sfiducia, la distrazione e una grande dipendenza dai beni materiali.

Secondo chakra - Chakra sacrale

Il chakra sacrale (o Svadhisthana) si trova nella parte inferiore del ventre, appena sotto l'ombelico. Questo chakra è responsabile dell’energia sessuale e creativa. È anche legato al modo in cui ci si relaziona con le proprie emozioni e con quelle degli altri. Le conseguenze del cattivo funzionamento del chakra sono le repressioni sessuali, la paura al godimento, il disprezzo del sesso e i blocchi energetici che limitano l’espressione della propria personalità.

Terzo chakra -Chakra del plesso solare

Il chakra del plesso solare (o Manipura) si trova nella zona dello stomaco. È responsabile della fiducia e dell'autostima, oltre ad aiutare a sentirsi in controllo della propria vita. Le conseguenze del cattivo funzionamento del chakra sono l’eccesso di peso nell’addome, malattie dell’apparato digerente, acidità, ulcere, dipendenza da stimolanti, fatica cronica, insoddisfazione personale, senso di inferiorità, aggressività e egocentrismo.

Quarto chakra - Chakra del cuore

Il chakra del cuore (o Anahata) si trova vicino al cuore, al centro del petto. Non sorprende, infatti, che il chakra del cuore riguardi la capacità di amare e mostrare compassione.

Quinto chakra - Chakra della gola

Il chakra della gola (o Vishuddha) è posizionato in corrispondenza della gola. Questo chakra ha a che fare con la capacità di comunicare verbalmente. Un cattivo funzionamento di questo chakra può dare luogo a problemi di voce, gola, corde vocali, comunicazione, malfunzionamento della ghiandola della tiroide e necessità di parlare molto, o al contrario paura di parlare per evitare problemi.

Sesto chakra - Chakra del terzo occhio

Il chakra del terzo occhio (o Ajna) si trova in fronte, precisamente a metà tra i due occhi. Puoi ringraziare questo chakra per un forte istinto intestinale. Questo perché il terzo occhio è responsabile dell'intuizione. È anche legato all'immaginazione creativa e alla lucidità mentale ed è solitamente bloccato dalle illusioni.

Settimo chakra - Chakra della corona

Il chakra della corona (o Sahasrara) è situato alla sommità del capo. Il settimo chakra rappresenta la connessione spirituale con se stessi, gli altri e l'universo. È in questo centro energetico che si governa la spiritualità, la saggezza e la conoscenza trascendentale. Diverse sono le motivazioni per cui si può trovare il chakra della corona bloccato, ad esempio la rigidità nella forma di pensare, il voler avere sempre ragione o un alto ego.

Cosa significa se un chakra è bloccato?

Una volta definito quanti sono i chakra e, soprattutto, quali sono, passiamo alla questione successiva: perché i chakra si aprono e/o si bloccano? Vari specialisti in medicina yoga terapeutica, dicono che preferiscono pensare ai chakra come fuori equilibrio piuttosto che bloccati.

"Ci può essere un esaurimento del flusso di energia o troppa attività energetica in un chakra - ognuno si manifesterà in esiti diversi", spiegano.

Quando un chakra è a bassa energia, si avrà difficoltà ad esprimere le particolari qualità associate a quel chakra. Al contrario, quando un chakra è iperattivo, le qualità sono una forza dominante nella vita della persona. Questo può avere effetti sia fisici che emotivi.

Ad esempio, il primo chakra riguarda la sicurezza, la sopravvivenza e le fondamenta della nostra vita. Se è poco attivo, può manifestarsi come depressione e insicurezza. Se, invece, vi è troppa energia, può presentarsi come impavidità senza precauzione o spericolatezza perché si ha bisogno di più per sentirsi al sicuro.

Un chakra bloccato può influire sulla salute?

Ora che abbiamo risposto ai quesiti principali, ovvero cosa sono e quanti sono i chakra e come sbloccarli, siamo pronti ad affrontare il tema in modo più approfondito. In particolare, ci focalizziamo sull'influenza del cattivo funzionamento di uno o più chakra sulla salute.

In generale, la posizione del chakra fuori equilibrio può influenzare le parti del proprio corpo in prossimità di quel chakra e, secondo i vari praticanti, ciò include organi, ossa, articolazioni e tessuti lì localizzati.

Da un punto di vista psicologico, gli squilibri nei chakra possono causare un conseguente squilibrio emotivo che porta ad un aumento della rabbia, della tristezza, della paura o dell'indecisione.

"È importante prestare attenzione sia alle sensazioni psicologiche che a quelle fisiologiche perché possono informarsi a vicenda e scoprire la causa principale dell'esperienza”.

Secondo la teoria, sperimentare troppo stress - fisicamente o mentalmente - può causare ad uno o più chakra la perdita del proprio equilibrio e, infatti, “abitudini personali come uno scarso allineamento fisico o postura, mangiare cibo malsano o comportamenti autodistruttivi possono causare lo squilibrio di un chakra”. Coloro che seguono e trattano con i chakra affermano che uno squilibrio prolungato può portare a malattie mentali e fisiche, problemi muscoloscheletrici e di salute mentale come depressione o ansia.

Come aprire i chakra?

Un ottimo modo per promuovere l'equilibrio in un chakra è creare un allineamento fisico del proprio corpo attraverso:

  1. Posizioni yoga
  2. Pratiche di respirazione per favorire il flusso di energia
  3. Meditazione per portare chiarezza mentale
  4. Uso di pietre e cristalli
  5. Trattamenti chiropratici

 

Ogni chakra ha posizioni yoga che possono aiutare a mettere a punto la sua energia. Adesso che abbiamo ben chiaro quanti sono i chakra e quali sono quelli principali, ecco alcune pose che possono aiutare a sbloccare e ad aprire ciascuno di essi:

I colori dei chakra

colori chakra copia

I 7 chakra, oltre ad avere significato, proprietà e posizioni differenti, vengono identificati con un colore diverso, convenzionalmente associato a ciascuno di essi. Ecco qui di seguito i colori dei chakra:

Primo chakra: rosso

Secondo chakra: arancione

Terzo chakra: giallo

Quarto chakra: verde

Quinto chakra: azzurro

Sesto chakra: viola, indaco

Settimo chakra: viola, bianco

Le pietre dei 7 chakra

 

Ogni chakra, così come per i colori, ha pietre specifiche abbinate che contribuiscono all’apertura e allo sblocco di questi centri di energia localizzati lungo il corpo.

Ad esempio, se si vuole lavorare sul primo chakra, si consiglia di utilizzare minerali come il diaspro rosso, l’onice nera, l’ematite, la corniola oppure di optare per dell’opale o dell’ambra per il secondo chakra. Il chakra del plesso solare, invece, è collegato a pietre di colore giallo come l’occhio di tigre, la pirite o il topazio giallo. Malachite, smeraldo, giada e agata sono invece perfette per lavorare sul quarto chakra.

Per il chakra della gola consigliamo pietre come l’acquamarina, l’azzurrite, il lapislazzuli o il turchese essendo l’azzurro il colore associato, mentre per il sesto chakra sono perfetti lo zaffiro, la labradorite e la tormalina blu. Infine, al chakra della corona abbiniamo minerali come l’ametista, la calcite trasparente, il cristallo di rocca e la labradorite.

Conoscere quanti sono i chakra e come si distinguono è fondamentale soprattutto per coloro che praticano la meditazione o che si sottopongono a sedute di cristalloterapia. Se si è interessati ad approfondire entrambe le tematiche, consigliamo di leggere i seguenti articoli disponibili sul nostro sito:

Una delle pietre più conosciute al mondo e maggiormente utilizzate in cristalloterapia è il Lapislazzuli, un minerale che si distingue per il suo intenso colore blu arricchito da venature dorate. Dal latino lapis, “pietra” e lazulum, “azzurro”, questa pietra trova ampio utilizzo nel settore della gioielleria sin dai tempi dell’antico Egitto, quando veniva utilizzata per la fabbricazione di gioielli rinvenuti, poi, nelle tombe dei grandi faraoni.

Nonostante il Lapislazzuli sia un minerale noto e molto utilizzato, i giacimenti in cui è possibile reperirlo non sono molti e i principali si trovano in territori esteri, soprattutto in Afghanistan, nella provincia di Badakshan, la vera culla del “tesoro azzurro”, ma anche in Cina e Cile. Inoltre, sembra che alcuni esemplari di Lapislazzuli siano presenti anche nelle effusioni dei vulcani campani e laziali.

In passato, le carovane mercantili trasportavano il loro prezioso carico blu verso le grandi città degli antichi Greci, Indiani, Egiziani, Mesopotamici e Persiani. Marco Polo fece riferimento alle miniere di lapislazzuli della zona nel 1271, ma pochi estranei le visitarono a causa della loro posizione inospitale.

Per migliaia di anni, il Lapislazzuli è stato modellato per mostrare il suo colore ricco e scuro. In genere, il Lapislazzuli usato in gioielleria viene tagliato in cabochon, perline, intarsi e tavolette. Ma l'uso di questo minerale non è mai stato limitato ai soli gioielli. È anche un materiale da intaglio popolare. Nel corso della sua storia, il Lapislazzuli è stato modellato in oggetti pratici, tra cui tavoli da gioco, ciotole, manici di pugnali, pettini per capelli e amuleti.

Oggi, questa pietra è spesso modellata in sculture a forma libera e a tema naturale. Alcune di queste sculture diventano arte da indossare, altre sono puramente decorative.

lapsislazzuli significato proprietà colore valore

Significato e proprietà del Lapislazzuli

Simbolo universale di saggezza e verità, la sua colorazione blu intensa dona a questa pietra un significato regale, ricco di onore per chi la indossa, ma anche divino e spirituale.

Gli storici ritengono che il legame tra l'uomo e il Lapislazzuli risalga a più di 6 500 anni fa. Come già accennato, la gemma era apprezzata dalle antiche civiltà della Mesopotamia, dell'Egitto, della Cina, della Grecia e di Roma grazie al suo colore vivido, motivo per cui anche minerali come lo zaffiro e il turchese erano oggetto di grande interesse.

Come scrisse il saggista statunitense Scott Cunningham nella sua opera intitolata Encyclopedia of Crystal, Gem, and Metal Magic "il Lapislazzuli ha associazioni senza tempo" con la regalità e le divinità. La gente in passato credeva che la pietra contenesse l'anima della divinità, che si sarebbe “rallegrata del suo proprietario'".

Nelle corti reali inglesi e francesi del XVIII secolo, per trasmettere messaggi con discrezione, veniva utilizzata una sorta di "linguaggio gemma" elaborato e simbolico. La gente indossava braccialetti, spille, anelli, ecc., con gemme, le cui prime lettere trasmettevano un motto o un sentimento. Stando a quando tramandato, il Lapislazzuli potrebbe significare "buona fortuna" o "amami", a seconda del suo utilizzo e dell'impostazione.

Nella cristalloterapia, i Lapislazzuli sono ampiamente impiegati per la loro capacità di influenzare positivamente sia la mente, che il corpo e lo spirito. Con il loro tipico colore azzurro/blu sono associati al Quinto Chakra della Gola che governa l’ascolto, la comunicazione ed è bloccato dalle bugie.

lapislazzuli chakra della gola

Cristalloterapia su Chakra della Gola (V° Chakra)

 

Questo minerale aiuta, quindi, nei problemi della laringe, delle corde vocali, ma anche del ritmo cardiaco e nella regolazione del ciclo mestruale. Contrasta le rigidità muscolari dando sollievo da problemi come l’emicrania e l’insonnia.

Grazie alle sue proprietà mentali, il Lapislazzuli stimola l’intelletto e la creatività e favorisce la consapevolezza e l’equilibrio. Sbloccando il Quinto e il Sesto Chakra è possibile sentirsi in armonia e in pace, aprendo così nuove possibilità e nuovi orizzonti. Dona la forza per affrontare importanti e radicali cambiamenti, razionalizzando le emozioni e stimolando il pensiero interiore.

Le proprietà metafisiche e spirituali di questa pietra guardiana la rendono un vero e proprio amuleto per i viaggi dello spirito verso il raggiungimento della pace interiore. Il Lapislazzuli stimola la mente e aiuta l’individuo ad individuare più facilmente i propri obiettivi. Infine, placa sentimenti come sofferenza, crudeltà e dolore.

Si tratta di pietra trasversale e adatta a tutte le persone che necessitano di lavorare su uno o più aspetti tra quelli elencati nelle righe precedenti. In generale, la consigliamo a chi è molto pignolo, ordinato e nervoso o a chi soffre di problemi alla gola, alla cute o di disturbi del sonno.

Colore del Lapislazzuli

Lo splendido colore blu del Lapislazzuli è dovuto ad un’alta concentrazione di lazurite alla quale si uniscono piccole componenti di calcite e pirite. A seconda della quantità di calcite presente all’interno del minerale, il Lapislazzuli varia il suo colore da blu ad azzurro intenso o celeste.

Per migliaia di anni, il colore del Lapislazzuli ha attirato l'attenzione degli artisti. Già gli antichi Egizi, per esempio, lo usavano per creare cosmetici blu. Nel Rinascimento, invece, i pittori macinavano questa pietra per creare la gradazione cromatica del blu oltremare, un pigmento usato per rappresentare cieli e mari. Lo stesso Michelangelo scelse il Lapislazzuli per affrescare lo sfondo celeste di uno dei suoi capolavori nella Cappella Sistina, ossia il Giudizio Universale.

lapislazzuli-giudizio-universale

Giudizio Universale, Michelangelo Buonarroti (1536-1541) Cappella Sistina, Musei Vaticani (Italia)

Valore del Lapislazzuli

Perché il Lapislazzuli è così caro?

Il Lapislazzuli si vende a circa 250/275 dollari al chilo, motivo per cui si presenta come un minerale estremamente caro, soprattutto se si cerca la migliore qualità. E sapete perché? Perché esiste un solo un posto al mondo dove trovarne di alta qualità, ovvero nelle montagne dell'Hindu Kush, in Afghanistan. Qui vi sono vere e proprie miniere in funzione da migliaia di anni, dove attualmente più di 300 miniatori vivono e lavorano alla ricerca del "tesoro azzurro".

In generale, quindi, il valore del Lapislazzuli è medio-alto e dipende quasi esclusivamente dall’intensità del suo colore. In altre parole, un pezzo di Lapislazzuli blu intenso, avrà un valore maggiore rispetto ad un altro con una gradazione più chiara e meno definita.

Questo è il motivo per cui il prezzo dei vari gioielli e oggetti creati con Lapislazzuli è molto variabile; sul web si trovano collane e bracciali con questo minerale a partire dai 10 € fino a superare i 200 €. Nel nostro shop online sono disponibili pezzi unici di pendenti e sfere di diverse dimensioni il cui valore è alto grazie alla colorazione intensa blu con venature argentate.

Pendente in Lapis Lazuli_llp02_2

Pendente in Lapislazzuli disponibile nel nostro shop nella sezione "Pendenti e collane"

 

Esistono 10 minerali pericolosi per la salute e l'ambiente: sai quali sono?

Sembra strano pensarlo, ma sì, non tutti i minerali possono considerarsi come strumenti curativi per la mente e il corpo, anzi! Esistono alcuni minerali pericolosi che possono letteralmente provocare seri e spiacevoli danni a chiunque entri in contatto con essi, pertanto meglio saperli individuare per mantenere le giuste distanze ed evitare eventuali malesseri e/o danni al corpo o all’ambiente circostante. Alcuni minerali presentano un grado di pericolo più alto rispetto agli altri, ciò non esclude, però, che è necessario fare molta attenzione a tutti i minerali pericolosi che trovate qui elencati.

In questo articolo, infatti, abbiamo raccolto una breve ma completa lista di 10 minerali pericolosi i quali, a nostro avviso, sarebbe meglio evitare, soprattutto in presenza di individui potenzialmente fragili come bambini, anziani o persone con patologie.

I minerali pericolosi a volte sono anche i più preziosi

È quasi scontato dire anche i minerali preziosi contribuiscono a far girare l’economia finanziaria del mondo moderno: quest’ultimi infatti trovano ampio utilizzo in diversi settori, a partire dal mondo degli articoli per la casa (es. stoviglie) fino ai circuiti stampati. Tra di loro, però, si classificano alcuni dei materiali più tossici individuati dalla scienza, tanto che il loro reperimento, scavo e lavorazione si sono rivelati così pericolosi nel corso degli anni che si è deciso di eliminarli del tutto dalla produzione industriale.

Di seguito sono elencati 10 minerali pericolosi sulla Terra. Queste rocce non hanno bisogno di essere lanciate per farti del male!

1. Calcanthite

La Calcanthite, in quanto solfato idrato di rame idrosolubile, è ritenuto uno dei vari minerali pericolosi. Ma perché? Questo minerale viene utilizzato per il rame, tuttavia è necessario mantenere l'ambiente asciutto, poiché può facilmente dissolversi e ricristallizzarsi in un ambiente umido. Il rame di questo minerale è molto biodisponibile ed è tossico per le piante e, in quantità elevate, anche per l'uomo.

2. Stibnite

La Stibnite è un minerale composto da solfuro di antimonio, dispone di un reticolo cristallino ortorombico ed è una fonte di antimonio metalloide, sostanza per cui lo classifichiamo tra i minerali pericolosi. La pasta di Stibnite è stata utilizzata per migliaia di anni per i cosmetici per scurire le sopracciglia e le ciglia. In passato, questo minerale veniva anche usato per realizzare posate, causando avvelenamento da ingestione di antimonio.

3. Amianto

Probabilmente avrai già sentito parlare dell’Amianto e subito lo associ a patologie gravi come, ad esempio, il cancro ai polmoni. Tuttavia, l'Amianto non è di per sé un minerale singolo, ma bensì l’unione di sei minerali separati definiti. A differenza degli altri, è il primo dei minerali pericolosi ad essere considerato anche tra i più letali al mondo. L’Amianto, infatti, sviluppa cristalli di fibre sottili che possono facilmente staccarsi e formare particelle di polvere.

Fino a non molti anni fa, era ampiamente utilizzato per una varietà di applicazioni commerciali e industriali grazie alla sua natura forte, resistente al fuoco e flessibile. Veniva utilizzato per piastrelle del soffitto, tetti, pavimentazioni e isolamenti termici. Le fibre possono causare cancro ai polmoni, mesotelioma e asbestosi.

4. Torbernite

La Torbernite è un minerale composto da idrato di rame verde, fosfato e uranile. Classificata tra i minerali pericolosi, si trova spesso nei graniti che contengono uranio ed è pericoloso per la sua natura radioattiva. Questo minerale rilascia radon in modo naturale e può causare il cancro ai polmoni in presenza di esposizione e contatto sufficientemente lunghi. In altre parole, la Torbernite è uno di quei minerali che non vorresti sul ripiano della tua vetrina.

5. Cinabro

Tra i minerali pericolosi, ci è poi il Cinabro dal colore rosso intenso e composto da solfuro di mercurio, che fornisce gran parte del mercurio elementare del mondo. Quando ossidato, questo elemento produrrà metilmercurio e dimetilmercurio, due composti tossici che causano danni irreparabili al sistema nervoso dei bambini. Viene inserito tra i minerali pericolosi poiché mortale anche in piccole concentrazioni e può essere assorbito attraverso le vie respiratorie, l'intestino o la pelle.

6. Galena

La Galena è uno dei minerali di solfuro più abbondanti e ampiamente distribuiti al mondo. La Galena è il minerale principale del piombo e forma cubi d'argento scintillanti con forme quasi innaturalmente perfette. Sebbene il piombo sia normalmente molto flessibile, il contenuto di zolfo della galena lo rende fragile e reattivo ai trattamenti chimici.

Tra tutti i minerali pericolosi finora elencati, la Galena presenta un grado di pericolo minore rispetto agli altri, come il mercurio, che può addirittura uccidere all’istante. In qualsiasi caso, vogliamo specificare che il piombo non viene espulso dal tuo sistema, anzi si accumula nel corso degli anni raggiungendo, infine, livelli tossici. Una volta che ciò accade, è probabile che questo incida sui nascituri, poiché la tossicità del piombo è cancerogena per te ed è teratogena (causando gravi difetti alla nascita) per la tua prole.

7. Hutchinsonite

Non manca nella nostra lista di minerali pericolosi l'Hutchinsonite, una forma di solfuro di arsenico con tallio e piombo che si trova nelle bocche idrotermali. I sali di tallio sono quasi insapori e altamente tossici, motivo per cui venivano usati nel veleno per topi e negli insetticidi. L'inclusione di tallio in questo solfuro di arsenico combina due minerali pericolosi e persino mortali. In altre parole, il contatto con questo minerale può potenzialmente portare alla morte.

8. Orpimento

L'Orpimento è un altro minerale di solfuro di arsenico con uno straordinario colore giallo-arancio. Il minerale si trova naturalmente nelle bocche idrotermali, nelle sorgenti calde e nelle fumarole. Stranamente, l’Orpimento un tempo era usato in Cina in campo medico nonostante la sua tossicità e nell'alchimia per la ricerca di un modo per creare l'oro. L'arsenico, specialmente se gli è permesso di ossidarsi, porterà, se maneggiato in modo errato, ad avvelenamento da arsenico. Inutile dire, quindi, aggiungere ulteriori dettagli sul perché l’Orpimento rientri tra i minerali pericolosi.

9. Crocidolite

Nelle righe precedenti abbiamo già parlato di come e perché l’Amianto sia ritenuto uno dei minerali pericolosi ai quali prestare attenzione. Anche la varietà blu di questo minerale, nota come Crocidolite, non fa eccezione. Costituita da sottili fibre di colore blu, da cui il nome Amianto blu, sono la causa di malattie gravi cancro ai polmoni, mesotelioma e asbestosi.

10. Arsenopirite

Infine, l’ultimo dei minerali pericolosi che vi presentiamo è l'Arsenopirite, un solfuro di arsenico di ferro con un brillante colore metallico d'acciaio che si trova spesso nelle bocche idrotermali e nelle pegmatiti. L'arsenico provoca una serie di danni ambientali e umani importanti e talvolta può essere associato a giacimenti d'oro. L'ossidazione dell'Arsenopirite porta all'arsenico solubile in acqua e al successivo drenaggio di acidità in miniera.

 

Nel nostro shop non troverai alcun pezzo unico di questi minerali pericolosi (per ovvie ragioni), ma potrai scoprire la nostra gamma di minerali, pendenti, druse e orecchini.

Guarda i video integrali  dei nostri minerali sul canale YouTube di Cristalli & Minerali, clicca qui.

A sud dell’Inghilterra, sulla costa della Manica, è situato il tratto collinare della Jurassic Coast (ovvero Costa Giurassica), il cui nome fa riferimento al noto periodo geologico al quale risalgono la maggior parte delle rocce lì presenti. Con un’estensione di circa 155 km attraverso il Dorset e l’East Devon, nel 2001 la Jurassic Coast è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO e ogni anno, lungo la sua costa, vengono trovati innumerevoli fossili risalenti a milioni di anni da, al punto di renderne uno dei migliori siti di raccolta sulla Terra.

Un grande collezionista nella grande Jurassic Coast

Lo stretto raggio blu della torcia frontale di James Carroll spazia metodicamente da una parte all'altra sulla ghiaia e sulle rocce di Charmouth Beach, nella contea di Dorset, sulla costa meridionale dell'Inghilterra. Ci troviamo nella Jurassic Coast e sono i primi di gennaio, sono le ore 17:30 eè già buio pesto, salvo per le luci scintillanti della città di Lyme Regis in lontananza. All'improvviso, l'autore britannico James Carroll si ferma, si china e raccoglie un nocciolo grigio opaco delle dimensioni di un pompelmo. Con facilità pratica, lo colpisce bruscamente con un martello da roccia e la pietra si divide in due per rivelare la spirale perfetta di un'ammonite di 190 milioni di anni incastonata all'interno.

Circa 200 milioni di anni fa, il litorale della Jurassic Coast era interamente sommerso da un mare tropicale. L'area si trovava allora intorno alla latitudine del Marocco e le sue acque calde sostenevano un ricco ecosistema marino pieno di tutto, dalle ammoniti (molluschi marini con un guscio protettivo arrotolato) ai feroci rettili lunghi anche fino a 10 metri. Nel corso del tempo, il mare si è ritirato e la placca tettonica su cui si trova attualmente l'Inghilterra si è spostata verso Nord, ma le rocce sedimentarie e l'argilla che hanno formato l'antico fondale marino sono rimaste pressoché intatte.

Con ogni nuova tempesta o alta marea, quelle rocce si erodono dalle ripide scogliere costiere, rivelando i resti spettacolari di creature che un tempo nuotavano nell'antico mare.

Un codice speciale per salvare i fossili della Jurassic Coast

In alcune parti del mondo, tutti i fossili sono considerati proprietà dello Stato e, anche in caso contrario, le normative possono rendere difficile la partecipazione dei collezionisti dilettanti. Ma nella Jurassic Coast, i fossili possono essere rivelati un giorno e distrutti dalle onde martellanti o trascinati in mare il giorno successivo, il che significa che né i proprietari terrieri né gli scienziati possono sperare di salvarne nemmeno una frazione.

Pertanto, il coinvolgimento del pubblico in generale è fondamentale per garantire la raccolta del numero massimo di fossili sulla Jurassic Coast per la ricerca scientifica e la visualizzazione pubblica. Un codice da collezione progressista formalizza la capacità della persona media di raccogliere fossili e ha contribuito a un enorme aumento di interesse negli ultimi anni, ulteriormente alimentato dai social media e dai film sui dinosauri.

"La cosa più importante è salvare i fossili", spiega Phil Davidson del Charmouth Heritage Coast Centre, il quale ha preso parte alla creazione del codice.

Il Codice di condotta per la raccolta di fossili del Dorset occidentale si applica a un tratto di costa di 17 chilometri tra Lyme Regis e il villaggio di Burton Bradstock, ed è stato recentemente replicato nell'East Devon. Scritto nell'inverno del 1998 da proprietari terrieri, scienziati, collezionisti, agenzie governative e organizzazioni culturali e ambientali, il codice chiarisce la proprietà e cerca di garantire sia che gli esemplari chiave siano conservati per i posteri sia che la raccolta avvenga in modo sicuro e non distruttivo.

I collezionisti sono liberi di portare a casa fossili piccoli o comuni trovati lungo la Jurassic Coast, ma possono conservare solo reperti più significativi, indicati come fossili di categoria uno, dopo averli segnalati. Un collezionista che vuole vendere un fossile di categoria uno deve offrirlo ai musei prima di acquirenti privati e deve riportare i dettagli della vendita.

Prima della crisi sanitaria globale causata dal virus Covid-19, centinaia di migliaia di dilettanti e professionisti visitano ogni anno le spiagge pietrose della zona. Il gruppo Facebook Dorset Fossil Hunters ha oltre 2.500 membri che condividono i loro ritrovamenti sulla Jurassic Coast e aiutano a identificare nuovi esemplari, mentre le iscrizioni al programma di paleontologia presso la vicina Università di Portsmouth sono quadruplicate dal 2000.

Chiunque cerca e trova fossili nella Jurassic Coast

Ogni giorno in cui il Charmouth Heritage Coast Centre è aperto e centinaia di persone vi entrano con fossili ritrovati lungo il tratto anglosassone della Jurassic Coast. Tra i numerosi reperti trovati ogni anno, solo 20/30 di questi hanno un alto interesse scientifico; ciononostante, è curioso notare come molti dei fossili giornalmente trovati non arrivino solamente da ricercatori professionisti, ma anche da dilettanti che si cimentano in questa esperienza per la prima volta.

Ne è un esempio un piccolo fossile di Pholidophorus incorporato in un nodulo di calcare, ma perfettamente conservatosi nel tempo, ritrovato proprio sul suolo della Jurassic Coast da una bambina di soli cinque anni. È raro trovare questi fossili in condizioni così buone e la scoperta è stata un evento così unico che la notizia è stata riportata anche sui vari giornali nazionali inglesi.

Anche la nota paleontologa britannica ed esperta raccoglitrice di fossili Mary Anning, all'età di 12 anni, con l'aiuto di suo fratello, scoprì uno dei primi ittiosauri del mondo. La scoperta è avvenuta all'inizio del 1800, prima ancora che il termine dinosauro fosse coniato. Anning, il cui ruolo chiave nello sviluppo della paleontologia nel Regno Unito è stato in gran parte oscurato fino a molto tempo dopo la sua morte, raccolse dozzine di esemplari scientificamente importanti, alcuni dei quali occupano ancora un posto d'onore nei musei di tutto il mondo.

Il crescente numero di visitatori della Jurassic Coast ha portato a una sana competizione. Con così tanti collezionisti che perlustrano la spiaggia, ammoniti e altri fossili popolari vanno a ruba rapidamente, incoraggiando molti clienti abituali a cercare nuovi e trascurati tipi di fossili, come insetti e pesci, molti dei quali si rivelano nuovi per la scienza.

Sempre più persone stanno iniziando a guadagnarsi da vivere collezionando fossili, vendendo i loro reperti a negozi locali, negozi londinesi di fascia alta o collezionisti privati, o mettendoli all'asta, dove un ittiosauro ben conservato può essere venduto anche per centinaia di migliaia di dollari.

Tuttavia, per i veri ricercatori e collezionisti di fossili della Jurassic Coast, il vero brivido non risiede nell’aspetto commerciale ed economico del ritrovamento, ma nell’entusiasmo di aprire una roccia e trovare al suo interno un fossile di milioni in anni indietro perfettamente intatto in ogni suo dettaglio e particolare. E soprattutto, avere la certezza di avere tra le mani qualcosa di unico, poiché non vi sono mai due fossili uguali.

Sei un appassionato o collezionista di fossili? Clicca qui per leggere il nostro articolo sui fossili indonesiani agatizzati.

 

All’interno del nostro e-commerce citiamo spesso il potere delle singole pietre nella meditazione, in particolare nelle schede informative di ciascun minerale, indicando anche le sue proprietà mentali, spirituali e metafisiche.

Abbiamo ritenuto utile, pertanto, approfondire la questione di come meditare con le pietre al fine di mettere in luce tutte le potenzialità dei pezzi unici di minerali che selezioniamo per il nostro shop.

Di una cosa siamo certi, ovvero che cristalli e pietre stanno incrementando la loro popolarità come pezzi di decorazione nelle case fornendo un tocco naturale all'arredamento ed inoltre, negli ultimi anni, si sta sviluppando anche un maggiore interesse nell'uso dei cristalli per scopi più esoterici e curativi.

Le culture di tutto il mondo hanno usato i cristalli nelle pratiche di guarigione e meditazione per migliaia di anni. Pertanto, potremmo dire che già nell'antichità di parlava di come meditare con le pietre, soprattutto in assenza di soluzioni curative efficienti per la mente e il corpo. La domanda principale da porsi è: ma i cristalli possiedono poteri curativi?

Secondo i guaritori che usano i cristalli la risposta è sicuramente sì.

C'è una lunga storia che si estende su migliaia di anni relativa all’uso dei cristalli per la guarigione e la protezione ed esistono molte forme di meditazione per concentrarsi e raggiungere uno stato di coscienza più elevato. Quest’ultime, infatti, usano il potere intrinseco dei cristalli, in quanto si crede che essi abbiano un effetto sulla coscienza.

Sapere come meditare con le pietre può rendere il momento della meditazione molto più profondo, fornire un oggetto di messa a fuoco e aumentare la coscienza e consapevolezza del proprio sé superiore.

 

A quale scienza affidarsi per capire come meditare con le pietre?

Non ci sono prove scientifiche che i cristalli possano aiutare nella guarigione, nella meditazione o nelle attività spirituali. Sebbene una scienza specifica del settore sia quasi inesistente e siano necessarie ancora ulteriori ricerche, ci sono testimonianze storiche relative all’uso dei cristalli per la guarigione. Dal punto di vista scientifico, la fisica quantistica sta aprendo nuove ed interessanti frontiere nella dimostrazione delle proprietà dei cristalli.

Al momento, è possibile fare affidamento solo a poche fonti ufficiali, come quelle fornite dal Dipartimento di Fisica dell’Università di Trieste dove un gruppo di ricercatori di fisici e teorici ha dimostrato, attraverso uno studio sperimentale, che lanciando vibrazioni estremamente intese in un cristallo mediante l'utilizzo di un laser, l'interazione creatasi può generare oscillazioni della materia e portare, quindi, alla scoperta di nuove proprietà nei materiali.

Questi tipi di ricerche potrebbero iniziare ad aprire la strada verso la prova che le differenti frequenze di vibrazione prodotte dai cristalli potrebbero in qualche modo modificare e alterare gli stati di interazione della nostra aurea (anche noi, come tutto in natura, siamo solo energia e vibrazione) e la realtà che ci circonda. Ecco, quindi, che saper come meditare con le pietre ed interagire con le loro vibrazioni potrebbe rivelarsi una pratica molto utile per la mente ed il corpo.

Come meditare con le pietre: da dove cominciare?

1 - Per iniziare con la meditazione con i cristalli, avrai bisogno del cristallo individuato e della volontà di praticare, in particolare se la meditazione è nuova per te.

2 - La questione chiave della meditazione è praticare il più regolarmente possibile e far sì che diventi parte della routine di cura di se stessi. Spesso se ti senti di non avere tempo o ti senti stanco o malato, più che mai avrai bisogno di dedicarti alla meditazione.

3 - Quando è il momento di iniziare, crea l'atmosfera. Trova un luogo in cui non sarai disturbato, imposta il termostato su una temperatura confortevole e regola l'illuminazione per un'atmosfera di totale relax.

4 - Se sei già un meditatore esperto, puoi semplicemente aggiungere il cristallo alla tua pratica attuale.

Puoi anche aggiungere strumenti che aiuteranno durante la meditazione come: candele, oli essenziali, incenso, immagini di antenati, immagini di figure ispiratrici (es. il Buddha), oggetti sacri, musica rilassante.

Quindi, tieni a portata di mano i cristalli che utilizzerai.

Purificare le pietre prima della meditazione

Ora che abbiamo capito come meditare con le pietre, è importante conoscere come dedicarsi alla pulizia dei propri cristalli prima di iniziare la seduta di meditazione. Puoi farlo nei seguenti modi:

Alcuni metodi di pulizia sono appropriati solo per particolari cristalli, quindi assicuratevi di fare le vostre ricerche prima di iniziare. Nel nostro blog è presente un articolo proprio su come purificare/pulire e rigenerare i minerali, clicca qui se sei interessato a conoscere altre metodologie di purificazione delle pietre.

Come meditare con le pietre da seduti

Mettiti a terra e chiedi alla tua intelligenza innata di aiutarti in questa sessione. Cerca di impostare la tua intenzione in modo tale che qualsiasi informazione o azione sia per il bene supremo dell'umanità.

Quindi, chiedi ai tuoi cristalli il permesso di usare le loro vibrazioni. Collegati semplicemente al tuo intuito e cerca una risposta. Concentrati sul tuo respiro e sulle vibrazioni dei cristalli, mantieni il respiro rilassato e guarda dove ti portano le energie. Ad alcune persone piace chiudere gli occhi, ad altre tenerli socchiusi: prova entrambi le soluzioni e scegli quella che ti aiuta maggiormente a concentrarti!

Se noti che la tua mente vaga, non essere preoccupato, ci vuole molto tempo per imparare a meditare nel modo giusto. Essere distratti è normale, se vi sono pensieri che ti turbano, mandali via e concentrati per metterti in armonia con la vibrazione del cristallo. Generalmente non si dovrebbe meditare con i cristalli per più di 15 – 20 minuti a sessione e se si sentono sensazioni sgradevoli è bene interrompere la pratica e bere dell’acqua.

 

Uscire dalla fase di meditazione

Quando la sessione di meditazione è finita, diventa gradualmente consapevole di te stesso nella stanza.

1 - Potresti voler allungare e muovere le dita delle mani e dei piedi, fare un po’ di stretching

2 - Non avere fretta, bevi un bicchiere d'acqua per disintossicarti e sii consapevole della tua esperienza e dei risultati raggiunti

3 - Se mediti quotidianamente, non aggiungere più di un cristallo a settimana alla tua seduta visto che si sta lavorando con alcune energie potenti.

4 - Hai bisogno di tempo per assimilare e liberarti di qualsiasi vibrazione negativa per cui mantieni la calma e rilassatati.

5 - Infine ricordati che la meditazione è un lungo viaggio che dura molti anni. Non avere fretta!

Altri consigli su come meditare con le pietre

Ora che conosci le basi ed hai un’idea di come meditare con le pietre, potresti sperimentare e vedere quale metodo di meditazione con i cristalli funziona meglio per te. Se sei appena agli inizi segui questi consigli:

1 - Griglie o cerchi di cristallo. Se non vuoi che i cristalli tocchino il tuo corpo mentre mediti, puoi creare una griglia o un cerchio di cristallo. Posiziona i tuoi cristalli intorno a te o direttamente di fronte a te.

2 – Durante un bagno rilassante. Se hai difficoltà a rilassarti, potresti trovare utile mediare con i cristalli mentre ti concedi un bagno caldo. Tuttavia ricordati di controllare di non bagnare alcuni tipi di cristalli, ad esempio come la Selenite o la Calcite poiché si dissolveranno.

3 – Posiziona i cristalli sui tuoi Chakra. Si pensa che i Chakra siano trasduttori di energia verso il tuo corpo energetico. Ognuno di essi rappresenta una parte diversa del tuo essere fisico e spirituale. Quando mediti, puoi posizionare un cristallo sul Chakra che si allinea con la tua intenzione curativa, in modo tale da attivare le aree interessate e riequilibrare le energie. Il bilanciamento dei Chakra è comunemente ed efficacemente utilizzato posizionando i corrispondenti cristalli colorati mentre mediti.

Tipi di cristalli e loro benefici durante la meditazione

Se ora avrai chiaro come meditare con le pietre, è possibile che tu ti stia ancora chiedendo quali minerali fanno più al caso tuo per meditare. Come specialisti ci sentiamo di consigliare vivamente vari cristalli per l'uso in meditazione. Non avrai bisogno di una grande collezione di pietre a portata di mano per iniziare, anche se averne di differenti è consigliato.

Il primo minerale che ti consigliamo è il Quarzo trasparente o Quarzo ialino, che consente stati alterati di coscienza e il bilanciamento dei chakra.

Il Cristallo di Rocca, anche chiamato Quarzo ialino, è il “cristallo per eccellenza” usato nella meditazione: incolore e trasparente, piace per la elegante semplicità e per la capacità di scomporre la luce bianca nei colori dell’arcobaleno. Questo Quarzo è una delle pietre più utilizzate in cristalloterapia, è utile per lavorare sul Settimo Chakra e su tutti quanti gli strati dell’aura, viene utilizzato in meditazione per aumentare la consapevolezza spirituale.

La seconda scelta per i principianti è la Selenite. È un cristallo a base di gesso, benefico per la comunicazione con il tuo sé superiore e i regni superiori. Nella meditazione, aiuta a ricordare le vite passate e contiene tutta la conoscenza sacra. La Selenite è una pietra ad alta vibrazione e attiva il Chakra della Corona. Porta luce e guarigione a ogni cellula del corpo.

Qualunque sia il cristallo con cui scegli di lavorare, è essenziale che tu faccia la tua scelta in modo intuitivo. In altre parole, scegli ciò da cui ti senti attratto.

Se hai appena compreso come meditare con le pietre, ecco alcuni tipi comuni di cristalli utili per i principianti delle meditazione:

Ametista. Si dice che l'ametista possieda una forte energia curativa, aiuti a dormire, sostenga la circolazione sanguigna ed equilibri i Chakra.

Granato. I guaritori di cristalli credono che il Granato sia benefico per fornire energia e rigenerare il corpo. È considerato una buona scelta quando ci si riprende da una malattia.

Quarzo. Esistono diversi tipi di cristalli di quarzo, tra cui: trasparente, rosa, fumè. Si ritiene che il Quarzo trasparente migliori la consapevolezza e riduca lo stress. Il quarzo rosa, invece, è conosciuto come il cristallo dell'amore incondizionato. Si dice che aumenti i sentimenti di amor proprio e promuova relazioni amorevoli con gli altri. Infine, il Quarzo fumé è considerato una pietra miliare e può aiutarti a sentirti radicato nel Pianeta Terra. Si crede che risolva l'umore ed è usato come protezione.

Tormalina nera. Si dice che questa pietra protegga dalle radiazioni dei telefoni cellulari, anche se non ci sono prove scientifiche a sostegno di ciò. Si ritiene generalmente che la Tormalina protegga dalle energie negative.

Selenite. Se ancora non sei esperto nel come meditare con le pietre, ti consigliamo di iniziare con la Selenite che viene comunemente usata proprio per la meditazione. Aiuta il meditatore a connettersi a una coscienza superiore.

Citrino. Conosciuta come la pietra della gioia, si dice che il Citrino attiri gioia e abbondanza.

Sodalite. Porta ordine e calma nella tua mente.

Lapislazzuli. È ritenuta la pietra dello sviluppo spirituale, poiché aumenta le tue capacità intuitive e risolve i conflitti.

Occhio di Tigre. Conosciuto come una pietra di supporto per i tempi di cambiamento, si ritiene che fornisca il potere e la capacità di affermare te stesso e trovare chiarezza nelle tue intenzioni.

Pietre da meditazione VS cristalli

Quando inizi il tuo viaggio di meditazione sui cristalli, potresti notare che le parole "cristallo" e "pietra" sono usate in modo intercambiabile. Nel contesto della guarigione con i cristalli, entrambi possono essere utilizzati con buoni risultati. In termini di definizione, una pietra è una materia solida, non metallica. I cristalli sono un materiale solido composto da atomi e molecole in uno schema ripetuto noto come reticolo cristallino. Entrambi sono formati da minerali.

Ora che sai come meditare con le pietre, non ti resta che riservarti un momento di tranquillità, rifugiarti in un luogo calmo e silenzioso dove sentirti a tuo agio, creare la giusta atmosfera rilassata e scegliere i cristalli con cui iniziare a meditare. Il tuo percorso di meditazione inizia ora!

Il Diaspro Bombo (in inglese BumbleBee Jasper) è un'attraente gemma con motivi dal giallo brillante all'arancio e nero proveniente da West Java, Indonesia. La produzione di questa pietra è in corso dal 2003 e, sino ad ora, si è calcolato una capacità produttiva di circa 150 tonnellate di materiale lapidario all’anno. Tuttavia, è fondamentale specificare che il Diaspro Bombo è attualmente una gemma a fonte singola, ciò significa che nessun altro deposito è stato documentato altrove. Proprio ultimamente, come confermato anche dal nostro fornitore, la vena estrattiva indonesiana fino ad ora sfruttata per l’estrazione di questo minerale si è esaurita e gli esperti del settore stanno riscontrando enormi difficoltà a rintracciarne delle altre.

L'area mineraria del Diaspro Bombo è situata sulle pendici inferiori di un vulcano attivo, il Monte Ciremai (o Cereme) a circa 25 km a sud-ovest dalla città costiera di Cirebon a Giava occidentale.

La varietà di Diaspro Bombo più ricercata è quella orbicolare dal tipico andamento a occhio di bue, ottenuta per taglio su concrezioni botroidee, ma oramai praticamente introvabile.

Ma come si è formato il Diaspro Bombo nella vena indonesiana?

Il Diaspro Bombo è un minerale formatosi all'interno di una solfatara situata in prossimità del vulcano del Monte Ciremai, in Indonesia. Qualora non lo sapeste, una solfatara è un'area vulcanica che produce vapore caldo e gas solforosi. Il nome deriva dalla Solfatara di Pozzuoli, un vulcano che fa parte dei Campi Flegrei vicino a Napoli.

 

È comune che questo tipo di sfiato si trovi vicino agli strati vulcani attivi e risulta dal riscaldamento delle acque sotterranee circolanti contenenti vari elementi o composti estratti dal sistema vulcanico, in questo caso ferro, zolfo, carbonato di calcio e arsenico. Tale sistema produce un'abbondante pirite "fuligginosa", costituita da cristalli minuscoli di solfuro di ferro, un elemento che cristallizza rapidamente vicino alla superficie e che, date le dimensioni molto ridotte, si presenta come fuliggine di colore nero.

Quando i gas fuoriescono dalla solfatara, i minerali si depositano come fasce più o meno regolari in fratture all'interno della roccia vulcanica, che si compone di cenere vulcanica a strati fini e tufo piroclastico intercalato (un accumulo di ejecta vulcanico di varie dimensioni). Le vene sono tendenzialmente verticali, con bande di colore individuali che raramente superano i 5 cm. La roccia muraria tufacea contiene marcasite, un solfuro di ferro instabile se esposto all'aria e all'umidità.  Dopo circa 1-2 settimane in questo ambiente, la rottura della marcasite facilita la separazione del materiale delle vene di Diaspro dalla sua roccia vulcanica ospite.

Propriamente, anche se chiamato Diaspro, secondo quanto stabilito in mineralogia, non si tratta propriamente di Diaspro, il quale è classificato come una forma opaca di quarzo microcristallino, ma piuttosto di un’agata. Quando esaminato con il microscopio binoculare, l'aspetto del Bumblebee è quello di polveri colorate cementate nella matrice carbonatica. Questo per quanto riguarda il colore nero, e gli altri?

Perché il Diaspro Bombo è (anche) giallo?

Nel precedente paragrafo abbiamo visto come le fasce scure del Diaspro Bombo, più precisamente di colore nero, siano dovute alla presenza di polveri derivanti dalla cenere vulcanica del Monte Ciremai. Ora non resta che capire da dove provenga il colore giallo che, insieme al nero, riproducono le medesime striature presenti in insetti come il bombo, da cui, non a caso, questa pietra prende il nome.

Il colore giallo presente nel Diaspro Bombo è da attribuirsi alla presenza del Pararealgar. Si tratta di un polimorfo monoclino giallo brillante di Realgar, un solfuro di arsenico rosso più comune e conosciuto, anch'esso monoclino, ma con una diversa classe di simmetria. In diversi esemplari di Diaspro Bombo, le parti che vanno dalla "senape" al giallo e le aree arancioni potrebbero essere identificate come una miscela di Pararealgar e Realgar.

Il Diaspro Bombo può apparire sia in forma di bande composto dai differenti materiali di cui sopra (forse la forma a cui siamo più abituati) sia in forma “framboidale”, termine che descrive un'aggregazione di particelle di dimensioni uniformi dello stesso minerale e che deriva dalla parola francese “framboise”, ovvero lampone, poiché questa bacca è composta da drupe di dimensioni uniformi aggregate.

 

Proprietà e significato del Diaspro Bombo

Chiunque sia nato in corrispondenza del periodo d’inizio della stagione estiva, può considerare il Diaspro come la propria pietra naturale di nascita. Il colore giallo, infatti, è segno di grandi primi inizi e ottimismo, valori che si pensa l’estate porti con sé al suo arrivo.

Tra le proprietà fisiche e spirituali di questa pietra, vi sono lo stimolo di nuove idee, di una forte energia (associata all’energia del vulcano da cui il Diaspro Bombo si forma), della creatività e della realizzazione di nuovi progetti. Infine, questa gemma aiuta il viaggiatore a compiere nuove imprese e, in generale, a prendere decisioni rapide e senza ripensamenti.

Grazie ai suoi colori accessi e in forte contrasto tra loro, il Diaspro Bombo viene spesso utilizzato in gioielleria per creare pendenti, collane, orecchini o anelli. Nel nostro shop online trovi pezzi unici di pendenti e orecchini in Diaspro Bombo, perfetti per i tuoi look estivi!

Varie specie di coralli fossili sono state trovate in diverse province nelle isole indonesiane occidentali di Sumatra e Giava. Questi depositi sono i resti sepolti delle antiche barriere coralline spinte sulla massa terrestre dalle collisioni delle placche. Si trovano nelle regioni montuose della catena del Bukit Barisan dal centro al sud di Sumatra e nelle aspre montagne di Giava occidentale e orientale. Nell'Indonesia orientale, ci sono coralli fossili trovati su parti montuose remote dell'isola di Halmahera.

La scoperta di barriere coralline ben conservate nelle montagne del sud di Sumatra testimonia il fatto che i livelli del mare nel Miocene (23 milioni di anni fa) una volta erano molto più alti di oggi. Anche i dettagli più fini delle specie di corallo che formavano queste antiche barriere coralline sono stati preservati sostituendoli con Agata e altri minerali.

 

Durante la fossilizzazione, il carbonato di calcio originale degli scheletri di corallo ha reagito con fluidi contenenti silice di origine vulcanica. Studi geochimici hanno documentato casi di deposizione idrotermale (acqua calda) di rame, ferro, zinco e argento insieme alla silice.

Sumatra è una località classica per i depositi idrotermali d'oro e d'argento a "bassa solfatazione". Questi sono stati estratti commercialmente dai primi esploratori olandesi e sono ancora oggi l'obiettivo di esplorazione e sfruttamento di tali minerali.

I minerali di silice a bassa temperatura come l'Opale e il Calcedonio sono i componenti più comuni del corallo fossilizzato. Alcuni aggregati fini e microcristallini (druse) o quarzo hanno riempito parti della pietra. Alcune druse riempiono i canali che ospitavano le parti molli delle creature coralline e in seguito sono state cementate con l’Agata chiara che fa brillare le superfici levigate.

Durante l’estrazione si può notare che i coralli fossili agatizzati variano da provincia a provincia. Alcune aree hanno più minerali disciolti e una gamma più ampia di colori rispetto ad altre. Alcuni campi di scavo producono bellissime teste di corallo agatizzate direttamente da formazioni rocciose alterate e ossidate. In altre aree, ciottoli arrotondati di coralli agatizzati si trovano sia in vecchi canali fluviali sepolti che in ghiaie fluviali attive lontane dalla sorgente rocciosa.

Tutto sommato, questi duri coralli fossili agatizzati creano un materiale lapidario spettacolare. Come con qualsiasi materiale lapideo ornamentale, ci sono alcuni colori e motivi comuni e alcuni rari bellissimi pezzi da collezione. Con migliaia di specie di corallo nella documentazione fossile ... la caccia ai pezzi migliori potrebbe essere infinita!

 

I coralli agatizzati sono fossili che si formano quando la silice delle acque sotterranee sostituisce gli antichi coralli sepolti (al contrario dei tipici coralli fossili sostituiti dalla calcite). Sono costituiti da fossili vuoti che sono stati riempiti con varie forme di Quarzo (un altro nome per la silice), principalmente uno chiamato Calcedonio e, in alcuni casi, sia calcedonio che Quarzo Cristallo di Rocca (quarzo trasparente con grandi cristalli visibili terminati da cristallo facce). Il termine "agatizzato" si riferisce alla varietà di Calcedonio traslucido chiamato "Agata", che ha cristalli molto piccoli (micro o criptocristallini) ed è caratterizzata da bande e colorazione ricca, proprietà comuni alle agate in tutto il mondo.

5 fatti che ancora non sapete sui coralli fossili

1. I coralli fossili non sono barriere coralline

Che tu ci creda o no, i coralli fossili sono in realtà pietre naturali che si sono formate quando i coralli antichi sono stati sostituiti dall'Agata. Le agate sono pietre semipreziose tipicamente formate nelle cavità rocciose sedimentarie e sono composte da vari tipi di minerali che portano alla loro colorazione e modelli unici. Milioni di anni fa, il corallo viveva in acque calde e poco profonde. Nel corso del tempo, quando le placche sotto il fondo dell'oceano si spostarono, il corallo fu sepolto sotto strati e strati di sedimenti. Quando la temperatura e la pressione sono cambiate, il corallo alla fine si è fossilizzato e si è trasformato in roccia.

2. I coralli fossili non sono in pericolo

A differenza delle barriere coralline protette (vive) che conosciamo oggi, i coralli fossili non sono in pericolo di estinzione in quanto sono considerati rocce (il nome ufficiale è "corallo agatizzato"). Originari di una forma estinta di specie di corallo rugose e tabulate, i loro scheletri duri si sono fossilizzati quando sono stati saturati con acqua ricca di silice che ribolle dal calcare.

3. Il corallo fossilizzato è la pietra rappresentativa degli stati di Florida e del Michigan

Trovati in tutto il mondo, i coralli fossili sono particolarmente abbondanti in Florida e Michigan. La roccia ufficiale dello stato della Florida (come corallo agatizzato) e del Michigan (come pietra Petoskey), è nota per le sue sfumature colorate e per i motivi floreali quasi come i pizzi. Molti dei fossili di corallo della Florida si trovano a Tampa Bay, vicino a Ballas Point, mentre le pietre Petoskey si trovano lungo le rive dei Grandi Laghi.

Altre aree famose per i loro coralli fossili includono l'Indonesia, dove sono state trovate intere teste di coralli completamente preservate e non danneggiate. Anche a Le Roy, New York, una barriera corallina fossile di 100 acri conosciuta come Bradbury Quarry è stata scoperta e dichiarata monumento naturale nazionale nel 1967.                                                               

 

 

4. Il più antico corallo fossile ha 450 milioni di anni

I coralli fossili più antichi hanno oltre 450 milioni di anni e risalgono al periodo Ordoviciano. Durante questo periodo, animali marini come alghe, coralli, pesci primitivi senza mascelle e gasteropodi governavano la Terra. La maggior parte dei coralli fossili trovati oggi può avere un'età compresa tra 100.000 e 25 milioni di anni, sebbene siano stati trovati molti esemplari più antichi dell'età siluriana (390 milioni di anni fa).

5. Il corallo fossile produce ottimi integratori di calcio e gioielli

Trovato in abbondanza nelle miniere e nelle cave, il corallo fossile viene spesso macinato e trasformato in integratori per la salute, cemento, additivi per vernici e persino riempitivi per dentifricio. Tuttavia, gli esemplari più ornati e unici possono essere lucidati e trasformati in gioielli di lusso incredibilmente intricati per uomini e donne. Strutturalmente resistenti (misura circa 7 sulla scala di Mohs; l'acciaio è 5,5), i prodotti di corallo fossile sono immensamente popolari tra i collezionisti di rocce, i paleontologi e chiunque ami dare e ricevere un regalo unico.

L’indecisione e la difficoltà nello scegliere il regalo perfetto per una donna in occasione di un compleanno, anniversario o evento importante sono spesso la causa di un regalo banale e scontato, privo di un vero messaggio.

In questo articolo abbiamo deciso di presentarvi 3 idee regalo donna originali e poco tradizionali, perché ciascuna delle idee regalo donna proposte comporta uno specifico messaggio o augurio da rivolgere alla persona da voi individuata. Alla fine, lo sappiamo, i regali pensati, semplici e adattati su misura alla personalità di una donna sono sempre i più apprezzati.

 

Le nostre 3 idee regalo donna

 

1. Seduta di cristalloterapia

Nonostante all’inizio possa sembrare un regalo alquanto bizzarro e particolare, si tratta, in verità, di una delle idee regalo donna che sta divenendo sempre più comune, soprattutto verso chi è interessata al tema della meditazione, del benessere fisico e psichico e della spiritualità.

Una seduta di cristalloterapia non comporta alcuna preparazione fisica, né richiede la presenza o il manifestarsi di particolari disagi, disturbi o malesseri a causa dei quali ricorrere a questo tipo di trattamento. La cristalloterapia è una pratica di guarigione naturale che consiste nel posizionare specifici cristalli in corrispondenza di punti energetici del corpo quali i Chakra.

Ad esempio, posizionando cristalli di colore rosso come il Diaspro, l’Ematite o l’Opale di Fuoco sul Chakra della Radice o Primo Chakra si ha accesso al flusso energetico che governa la stabilità, il senso di sicurezza e la sopravvivenza.

Tra i benefici derivanti da una seduta di cristalloterapia vi sono, innanzitutto, il raggiungimento di uno stato di benessere psico-fisico e un forte senso di purificazione mentale e spirituale. Grazie alle proprietà e alle vibrazioni di ciascuna pietra, si va ad alterare l’energia negativa concentrata in un punto del corpo, motivo per cui la cristalloterapia è utile in caso di ansia, stress, insonnia o mal di testa.

Pertanto, se pensate che un’esperienza volta a ritrovare lo stato di benessere totale e alla purificazione di mente e corpo possa essere interessante e speciale, allora questa è sicuramente una delle idee regalo donna da prendere in considerazione.

2. Pietra speciale per pendenti e orecchini

Subito vi sembrerà che questa, tra le idee regalo donna generalmente conosciute, questa sia quella più classica e gettonata di tutte. Sicuramente avete ragione, ma vogliamo spiegarvi perché, secondo noi, la nostra variante può, invece, essere un regalo apprezzato e per nulla semplice da scegliere.

Ogni pietra, minerale, cristallo o gemma è diverso da tutti gli altri, perché le caratteristiche fisiche e le proprietà metafisiche e spirituali di ciascuno di essi li rendono unici nel loro genere.

Ciò significa che, come abbiamo visto per la cristalloterapia, ogni pietra è indicata per una personalità specifica, con determinati pregi e difetti oppure è utile nel caso di alcuni disturbi fisici, traumi, situazioni di malessere o momenti critici da un punto di vista emotivo.

In altre parole, regalare un pendente, una collana o un paio di orecchini realizzati con una determinata pietra le cui proprietà sono in linea con la personalità della persona a cui vorresti fare un regalo o sono adatte per alleviare lo stress o il malessere di un particolare momento che sta affrontando, è sicuramente un regalo portatore di un grande messaggio.

Se, per esempio, la donna a cui stai pensando è una persona che ama viaggiare, creativa, riflessiva oppure che, da un punto di vista fisico, soffre di problemi alla gola o di frequenti disturbi da cervicale, può essere utile regalarle un pendente in Larimar. Questa pietra, infatti, è considerata l’amuleto dei viaggiatori ed, essendo associata al Chakra della Gola (V° Chakra), aiuta ad alleviare i disturbi fisici concentrati in corrispondenza di questa zona.

 

3. Consulenza di armocromia

Sempre più in voga nell’ultimo periodo, una seduta di armocromia è ciò che probabilmente qualsiasi donna vorrebbe provare almeno una volta nella vita. Perché? In questo modo potrà finalmente conoscere quale sia la sua palette, ovvero quali colori le stanno meglio e risaltano il suo aspetto e quali, invece, dovrebbe escludere dal suo guardaroba.

Si tratta, inoltre, di una consulenza valida per sempre e dalla quale anche voi in futuro potreste prendere ispirazioni per eventuali regali. L’armocromia, quindi, mette fine al dubbio se una camicia di un determinato colore stia bene su di lei o meno.

L’armocromia non è utile solo per scoprire la propria palette di colori per quanto concerne l’abbigliamento e il make-up, ma anche per tutti gli accessori come anelli, collane e orecchini. Ecco, quindi, che potreste sfruttare questo regalo per agevolarvi nella scelta di quelli futuri. Se, ora, sapete che il giallo è il colore che per eccellenza mette in risalto il suo sguardo, uno dei prossimi regali potrebbe essere un paio di orecchini in Diaspro Bombo.

 

Se queste 3 idee regalo donna vi hanno incuriosito e vorreste avere maggiori dettagli, vi consigliamo di leggere il nostro articolo sulla cristalloterapia e di visitare il nostro shop online per scoprire quali sono le pietre più indicate per la persona alla quale state pensando.

La Grotta di Naica in Messico: la caverna dei cristalli giganti

La Grotta di Naica, anche conosciuta come la Grotta dei Cristalli Giganti (Cueva de los Cristales), è uno dei più grandi tesori naturali del mondo. Un imponente palazzo di cristallo, un luogo unico a 820 metri sotto terra, dove si può rimanere solo per un massimo di 10 minuti a causa delle sue condizioni estreme.

Situata al centro del deserto messicano, più precisamente all'interno dello stato di Chihuahua, la Grotta di Naica si trova in prossimità dell’omonimo villaggio minerario dal quale prende il nome.  La sua scoperta è avvenuta solamente nell’anno 2002, a seguito di alcune spedizioni nella medesima miniera di Naica che portarono al ritrovamento della “Grotta delle Spade”(Cueva de las Espadas), così chiamata grazie alla presenza di grandi cristalli in selenite la cui forma ricorda quella di una spada.

 

A 46°C nella Grotta di Naica: il rischio per l’uomo

Con una temperatura che si aggira intorno ai 46 ° C e un'umidità quasi del 100%, rimanere per un tempo più o meno prolungato in questa grotta ricca di cristalli giganti significherebbe mettere a serio rischio la propria vita. Pertanto, la Grotta di Naica, così come la “Grotta delle Spade”, non è visitabile dal pubblico, ma è aperta solo per svolgere studi a livello scientifico, in quanto le condizioni climatiche al suo interno non sono sopportabili a lungo dall’uomo e soprattutto è fondamentale preservare l’integrità dell’ambiente.

Nel 2008, il cristallografo spagnolo Juan Manuel García Ruiz ha visitato la grotta dei cristalli e, in un racconto per El País, ha confessato che "A volte l'aria ti bruciava così tanto - non solo le narici e la gola, ma l'interno del tuo corpo - che ci ha costretti a fuggire immediatamente da quella fornace. Per questo, ogni volta che siamo entrati, uno di noi è rimasto fuori, cronometrando il tempo e avvisando ogni otto minuti in modo che chi era dentro uscisse dalla grotta”.

I cristalli presenti all’interno della Grotta di Naica sono formati da selenite. Ricordiamo che la selenite non è altro che una varietà di gesso, motivo per cui i cristalli si presentano con una lucentezza vitrea e una colorazione, quasi, trasparente.

 

Nel cuore della Grotta di Naica

La Grotta di Naica risulta collegata alla miniera di Naica situata ad una profondità di 300 metri. Questa grotta sotterranea ha una sorella minore localizzata ad Almería, in Spagna. Si tratta della Geode di Pulpí, considerata la più grande geode d'Europa e la seconda al mondo dopo quella messicana. Nel suo caso, quella spagnola ha una cavità lunga otto metri per 1,8 metri di lunghezza e 1,7 di larghezza e 60 metri di profondità.

Uno dei paesaggi sotterranei più suggestivi al mondo è proprio la “Cueva de los Cristales”, una caverna ricca di formazioni minerarie di selenite che raggiungono i 12 metri di lunghezza e risplendono di tonalità chiare paragonabili a quelle della Luna.

I cristalli si sono formati nel corso di migliaia e migliaia di anni. Si ipotizza che il più grande potrebbe avere anche un milione di anni. Le sue curiose formazioni di selenite, lunghe più di 10 metri, sono cresciute nella grotta quando si presume sia stata inondata e allagata da acqua calda a una temperatura di circa 52° C, ovvero la temperatura indicativa di cui il minerale ha bisogno per la sua formazione. Dalla miniera di Naica l'acqua calda della grotta è stata pompata e drenata per rivelare un mondo naturale unico.

 

La storia della Grotta di Naica

La formazione dei cristalli giganti

Tutto è iniziato alla fine del XVIII secolo (1796), quando un gruppo di minatori individuò una vena nel terreno a 130 km sud della città di Chihuahua. Fu l'inizio della Miniera di Naica, dalla quale si estrassero argento, zinco e soprattutto piombo per oltre 200 anni, fino alla sua chiusura nel 2015 a causa di un'alluvione. Nel 2000, gli speleologi Eloy e Javier Delgado, che stavano lavorando a una profondità di 290 metri perforando la roccia, trovarono una sorta di grande rientranza accanto a un deposito naturale di metalli. Entrando, gli uomini videro cristalli che superavano i 10 metri di lunghezza; ce n'erano alcuni che attraversavano questo spazio, 20 x 35 metri, dal pavimento al soffitto e pesavano fino a 55 tonnellate.

Da lì, la Grotta di Naica o “Cueva de los Cristales” e le altre tre caverne che sono state trovate nelle vicinanze (tra cui la Cueva de las Espadas o la Cueva de las Velas) sono state utilizzate esclusivamente per la loro conservazione e lo studio scientifico. La Grotta delle Spade è profonda 120 m, il che la rende molto fredda e i cristalli al suo interno raggiungono una lunghezza di circa 2 metri.

L'ultima scoperta è avvenuta nel 2017, quando la speleologa americana Penelope Boston, direttrice del NASA Astrobiology Institute, ha rivelato i progressi del suo studio. Nel suo lavoro, ha scoperto che all'interno degli antichi cristalli c'erano minuscole bolle che contenevano microbi. I ricercatori suggeriscono che questi microrganismi latenti hanno vissuto lì per circa 50.000 anni.

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter!

    *Campi obbligatori

    preloader